Licanìas 2021: tanti ospiti al festival di parole e paesaggi a Neoneli

Nanni Gaias Licanìas Neoneli

Entra nel vivo a Neoneli (OR) l’edizione 2021 di Licanìas, il festival di parole, arti e paesaggi promosso dall’Amministrazione comunale.

Nel cuore del Barigadu, domani – venerdì 26 agosto – dal mattino sino a notte un intenso calendario di incontri letterari, arti visive, spettacoli e buona musica.

Tra i protagonisti, il divulgatore e youtuber Adrian Fartade (quasi 400 mila iscritti sul suo canale), Valentina Mira, Alessandro De Roma, Nicola Fano e Alberto Capitta. Chiusura in musica con Emanuele Contis, Nanni Gaias e Raffaele Casarano.

IL PROGRAMMA 

La giornata si accende alle 10, nel cortile di Casa Cultura, con la presentazione di uno degli esordi più belli e importanti degli ultimi anni: il direttore artistico di Licanìas, Alessandro Marongiu, parlerà con Valentina Mira del suo “X“, pubblicato da Fandango, un romanzo ricco di significati e temi, tra cui le molteplici forme che – nella società, nei rapporti personali e sessuali, all’interno della famiglia – può assumere la violenza.

A seguire un incontro tra due dei più autorevoli scrittori sardi, Alessandro De Roma e Alberto Capitta, in dialogo sull’ultimo libro di Capitta, “Quel mangione di Renato” (Angelica Editore). Illustrato da Elda Broccardo, il volume è una delicata metafora riservata ai piccoli lettori sulle ricchezze interiori dell’essere umano: chi abita dentro di noi? – sembra chiedersi la lumachina Ulisse inghiottita per errore da Renato.

Si prosegue nel pomeriggio con “Contro i comici“, raccolta delle critiche teatrali di Antonio Gramsci pubblicata da Succedeoggi Libri. A presentare il libro, alle 17 in largo Margherita, sarà il curatore Nicola Fano, tra i maggiori storici del teatro italiani.

advertisement

Alle 19 in piazza Italia torna Alessandro De Roma, questa volta per parlare del suo ultimo romanzo, “Nessuno resta solo” (Einaudi), una storia familiare intensa e spietata, fatta di lontananza e rancore sino a un travagliato percorso di (possibile) riconciliazione. In conversazione con l’autore il direttore del Centro servizi culturali di Macomer e coordinatore di Casa Cultura Neoneli Giancarlo Zoccheddu.

Sipario sulla seconda giornata del festival con una doppia performance in piazza Barigadu: alle 22 va in scena “Moriremo tutti! Storie di come abbiamo immaginato la fine del mondo“, ironico spettacolo di Adrian Fartade, uno dei più popolari divulgatori scientifici del web con i quasi 400mila iscritti sul suo canale Youtube: un percorso alla scoperta degli esempi più iconici immaginati dall’uomo sull’apocalisse, e di quanto siano credibili scientificamente. Chiusura in musica a partire dalle 23, con un progetto ideato dal musicista, compositore e sound designer Emanuele Contis (sax ed elettronica) con il coinvolgimento di un altro sardo, il batterista Nanni Gaias: un progetto non convenzionale che ha debuttato lo scorso giugno con la partecipazione di Gavino Murgia, avvicendato a Neoneli dal sassofonista salentino Raffaele Casarano, altro nome di primo piano nel panorama del jazz nazionale.

 

IL FESTIVAL

Al centro delle riflessioni di Licanìas la forza dirompente dell’immaginazione: “Imagine” è infatti il titolo scelto per questa edizione, preso in prestito dalla popolarissima canzone di John Lennon (pubblicata su disco giusto cinquant’anni fa), uno dei brani più iconici della storia della musica pop e considerata uno dei maggiori lasciti artistici dell’ex Beatles.

«La scelta del tema – spiega Anna Rita Punzo, curatrice della sezione arti visive del festival – è figlia del nostro presente, un tempo incerto e sospeso, in cui le distopie hanno sostituito le utopie ma la volontà di reagire, di cercare la luce nella caverna, non si è mai spenta. Licanìas intende raccogliere, riunire e divulgare storie, racconti e testimonianze di vicende capaci di sovvertire l’ordine, sfidare l’irreale e offrire un contraltare alla stessa immaginazione».

Laboratori

Venerdì e sabato, con appuntamenti alle 17 e alle 18,30 a Casa Cultura, Licanìas propone una serie di laboratori dedicati ai più piccoli, organizzati e tenuti dall’associazione culturale Lughenè. Si comincia con il corso di disegno Immagina di essere me. A seguire Un mondo di differenze, in cui attraverso la cartotecnica si riflette sulla diversità come ricchezza. Sabato si prosegue con Immagina la terra nelle tue mani, breve corso di pittura acrilica su temi a sfondo ambientalista; e Umorismo e riso – Ridi con me, non di me, workshop di scrittura umoristica per imparare a ridere senza offendere gli altri. Si chiude poi domenica con due momenti dedicati alle illustrazioni: Immagina di essere altrove e Rotoli di storie.

Arti visive

Incontri letterari, musica, spettacoli ma anche arti visive, come sempre, a Licanìas. Ecco dunque “Phantasmagoria”, una mostra che, come scrive la curatrice Anna Rita Punzo, “intende proporre un’inedita rilettura delle sovversive e sorprendenti incursioni nell’assurdo compiute da Alice, la giovane eroina di Lewis Carroll, attraverso una riflessione su atmosfere, visioni, personalità e psicopatologie dei personaggi chiave“. In esposizione i lavori di dodici autori del panorama artistico isolano: Zuanna Maria Boscani, Cenzo Cocca, Paolo Decortes, Gianluca Gelsomino, Aaron Gonzalez, Bachis Manca, Elisa Masala, Antonella Muresu, Egle Picozzi, Terrapintada, Eleonora Todde e Francesca Randi, che firma l’evocativa immagine della mostra. Lavori che “traggono ispirazione dalla realtà odierna, dalle fragilità emotive, dall’isolamento coatto del lockdown, dalla straniante quotidianità dell’annus horribilis appena trascorso, traducendoli in non-sense ironici e leggeri, immagini oniriche e irreali, proiezioni cupe e angoscianti“.

Casa Cultura Neoneli

Ospitando nel suo cortile interno tre degli appuntamenti in programma al festival, fa il suo debutto in questa edizione di Licanìas la Casa Cultura Neoneli, il nuovo spazio – di prossima apertura – ricavato nell’edificio dell’ex caserma dei Carabinieri. Qui verrà trasferito il servizio bibliotecario e si potranno tenere concerti e proiezioni cinematografiche, letture e incontri con gli autori, spettacoli e laboratori. Casa Cultura Neoneli, che avrà come coordinatore Giancarlo Zoccheddu, si propone come un presidio non solo per il paese ma per il Territorio del Barigadu, un punto di riferimento per pubblici diversi, bambini, adolescenti, adulti e anziani, che potranno partecipare attivamente a processi di coesione sociale e inclusione.

 

INFORMAZIONI

Tutti gli appuntamenti del festival si terranno con ingresso gratuito (a eccezione del concerto “A sud di Bella Ciao”: biglietto a 5 euro), in ordine di arrivo, sino a esaurimento posti e nel rispetto delle misure anti-Covid. Sarà necessario essere muniti di greenpass sia per poter assistere agli incontri e agli spettacoli che per visitare la mostra.