Chiudono per 2 settimane le biblioteche della Marmilla

ferie biblioteche Marmilla

Si è concluso con successo il laboratorio sulle Janas, ed ora le venti biblioteche della Marmilla si prendono 2 settimane di ferie, lanciando un appello:

“Utenti, non dimenticatevi dei libri”

Due settimane di riposo. Ma senza dimenticare la passione per la lettura. E con la gioia nel cuore per il successo del laboratorio dedicato alle Janas.

Un laboratorio che ha coinvolto circa trecento fra bambini e ragazzi della Marmilla. Piccoli utenti, che hanno dato sfogo alla loro creatività e fantasia con la produzione di originali e simpatici lavoretti, già diventati arredi fra gli scaffali ricolmi di libri. Anche per le biblioteche del territorio è tempo di ferie. 

Le venti biblioteche del sistema bibliotecario della Marmilla, gestito dall’Unione di comuni Marmilla, chiuderanno per due settimane.

“Ma, cari utenti, non dimenticatevi dei libri e della passione per la lettura”, ha esordito Marta Corona, responsabile del sistema per conto dell’Unione, “anzi, approfittate di questi ultimi giorni di apertura per farvi la scorta di libri da leggere per le prossime settimane”.

advertisement

LE FERIE

Le biblioteche di Barumini, Collinas, Furtei, Genuri, Gesturi, Gonnoscodina, Gonnostramatza, Las Plassas, Pauli Arbarei, Segariu, Setzu, Siddi, Tuili, Turri, Ussaramanna, Villamar, Villanovaforru e Villanovafranca chiuderanno dal 16 agosto al 31 agosto con riapertura dal 1 settembre. La biblioteca di Sanluri si prende invece una pausa estiva dal 10 agosto al 20 agosto e riaprirà lunedì 23 agosto.

L’unica biblioteca a rimanere aperta è Lunamatrona.

IL LABORATORIO

Pochi giorni fa si è concluso il laboratorio di animazione alla lettura, rivolto agli alunni di elementari e medie delle venti biblioteche. Sei gli incontri totali in ogni struttura culturale, tutti iniziati con la lettura di un racconto sulla natura e la mitica figura della tradizione sarda delle Janas. Poi i piccoli artisti hanno dato vita con materiali naturali e di riciclo a diversi manufatti. Un trionfo di idee e colori. Fra i materiali più utilizzati le pigne e la lana. Ecco allora simpatici pupazzetti e segnalibri. “Siamo molto soddisfatti dei risultati raggiunti”, ha aggiunto sempre Marta Corona, “i ragazzi hanno approfondito anche la conoscenza del proprio territorio, siti archeologici compresi e hanno familiarizzato anche con le Janas, la mitologie e le tradizioni della nostra isola”. 

MERITATO RIPOSO

Ora è arrivato il tempo del riposo meritato anche per gli operatori e le operatrici culturali della cooperativa “Agorà”, che gestisce le venti biblioteche per conto dell’Unione. “Ma cari utenti, ragazzi, giovani, adulti e anziani, non dimenticatevi dei libri e della lettura”, ha chiuso Corona, appello al quale si sono aggiunti anche tutti gli operatori e le operatrici delle biblioteche, “leggete un libro in spiaggia o nei momenti di relax, dopo una passeggiata o un’escursione. Sarà sempre ossigeno per la vostra mente”.