Aggiornamento incendio Somma Vesuviana

Sembrerebbe domato l'incendio sviluppatosi dalle ore 15 di oggi sul versante Cupa Maresca del Monte Somma nel Parco Nazionale del Vesuvio, anche se permane qualche focolaio.

 

Salvatore Di Sarno (sindaco Somma Vesuviana): “Sembrerebbe domato l’incendio sviluppatosi dalle ore 15 di oggi sul versante Cupa Maresca del Monte Somma nel Parco Nazionale del Vesuvio, anche se permane qualche focolaio. E’ l’ottavo incendio in 5 giorni. Il mio appello ai cittadini: se vedete persone sconosciute sulle terre in montagna, segnalate la loro presenza”.

 

advertisement

“Sembrerebbe domato l’incendio sviluppatosi verso le ore 15 di oggi in località Cupa Maresca, versante del Monte Somma che ricade nel Parco Nazionale del Vesuvio che già nel 2017 fu luogo dell’incendio che devastò il Parco, anche se permarrebbe qualche piccolo focolaio. La situazione è comunque sotto controllo.

A Somma Vesuviana abbiamo registrato ben 8 incendi in 5 giorni e quello di oggi è stato un incendio davvero importante che ha colpito il versante di Cupa Maresca. Le fiamme stavano scendendo a valle. Sul posto Vigili del Fuoco, Protezione Civile, SMA, Carabinieri ed abbiamo anche allestito un campo in Piazza Mercato dando la possibilità all’elicottero di poter caricare acqua. Abbiamo impedito alle fiamme di raggiungere l’abitato. Quasi sicuramente si tratta di un incendio doloso e quasi sicuramente emergeranno rifiuti dalle sterpaglie e dunque l’area dovrà essere bonificata.

Abbiamo approvato ordinanze che andavano nella direzione ben precisa della pulizia dei fondi privati perché è questa un’opera di prevenzione importante. Questi incendi danneggiano la nostra salute, favoriscono disastri ambientali e dunque il mio appello è a coloro i quali amano l’Italia, a coloro i quali vogliono bene al nostro patrimonio ambientale: quando vedete persone sconosciute e mai viste sulle terre, segnalatelo subito. Vorrei evidenziare l’efficacia dell’azione immediata di Protezione Civile che è stata messa in campo sul territorio sommese”. Lo ha dichiarato Salvatore Di Sarno, sindaco di Somma Vesuviana nel napoletano