Afghanistan, Pucciarelli: “donne condannate ad una vita priva di identità”

Il Sottosegretario Pucciarelli allarmato per i recenti avvenimenti in Afghanistan

Il Sottosegretario alla Difesa Stefania Pucciarelli

Afghanistan, Sottosegretario Pucciarelli: “grazie alle Forze Armate italiane impegnate ad evacuare anche collaboratori afghani. Difficile credere alle promesse dei talebani. Forte preoccupazione anche per i diritti delle donne”.

 

Il Sottosegretario alla Difesa, la senatrice leghista Stefania Pucciarelli si mostra preoccupata per la piega che potrebbero prendere i recenti avvenimenti in Afghanistan, dove, com’è noto, recentemente i talebani hanno ripreso il potere.

“Continua l’impegno della Difesa per evacuare dall’Afghanistan chi, avendo collaborato con gli italiani per costruire un futuro migliore per il proprio Paese, è ora esposto a rischio ritorsioni”.

advertisement

Il Sottosegretario prosegue esponendo le operazioni portate avanti attualmente dalle forze militari Italiane impegnate nel territorio – “Grazie al lavoro di pianificazione e coordinamento che il nostro neo-istituito Comando Operativo di Vertice Interforze (COVI) sta svolgendo con l’operazione AQUILA OMNIA, diversi voli dell’Aeronautica Militare, sono già atterrati in Italia: l’ultimo è atterrato a Fiumicino con a bordo 203 persone. Queste si aggiungono a quelle già trasferite con i primi voli dei giorni scorsi e a quelle che seguiranno nel prossimo futuro sulla base delle programmazioni in atto”.

“Sono oltre 1500 i militari Italiani direttamente coinvolti in prima linea in questo sforzo” – afferma Stefania Pucciarelli: “alle Forze Armate rinnoviamo il nostro sentito ringraziamento”.

“In questi giorni il nostro Paese sta facendo uno sforzo enorme per contribuire a portare in salvo le persone che in questi 20 anni hanno collaborato in vari modi con l’azione della comunità internazionale. Si ha ragione di temere forti ritorsioni nei loro confronti. Mi riesce difficile credere pienamente nelle recenti promesse di circostanza fatte dai talebani!”.

Ma è riguardo i diritti delle categorie più deboli, soprattutto per la condizione della donna che il Sottosegretario si mostra più preoccupata – ” Sono molto preoccupata per il futuro delle categorie più deboli in quel martoriato Paese, in particolare per la condizione delle donne. Sono idealmente vicina a tutti gli afghani e le afghane che in questi anni non hanno esitato ad esporsi, lottando per il riconoscimento dei loro diritti e per le altre indispensabili battaglie di civiltà.” – ha proseguito il Sottosegretario Pucciarelli sottolineando con forte apprensione questo passaggio:

“L’esempio più eclatante sono le donne afghane che già in questi primi giorni sono oggetto di discriminazioni e minacce dei talebani. Nelle città conquistate, scuole e università sono state immediatamente chiuse alle donne, mentre molte lavoratrici sono state costrette a lasciare la propria occupazione”.

“Il ritorno al potere dei talebani e le loro prime reazioni alle manifestazioni di dissenso non possono non destare profonda amarezza e grande preoccupazione; sono chiare, al di là dei primi proclami, le gravi ripercussioni che potenzialmente gravano sulla popolazione afgana. In questi ultimi 20 anni di trasversale impegno della comunità internazionale la società civile locale ha fatto importanti passi avanti; questo anche grazie allo straordinario lavoro svolto dalle numerose organizzazioni umanitarie profondamente coinvolte nel difficile percorso di assistenza e modernizzazione finalizzato alla tutela e promozione dei diritti fondamentali di tutti gli afghani, senza distinzione alcuna”. Un progresso che secondo Stefania Pucciarelli rischia di essere eradicato dai talebani che in questi ultimi giorni hanno ripreso il controllo della capitale Kabul.

Sono certamente segnali preoccupanti che potrebbero vanificare gli sforzi compiuti negli ultimi anni per tutelare i basilari diritti della condizione femminile in Afghanistan, donne “colpevoli” solo di essere nate in un’area in cui essere femmina significa essere condannata ad una vita priva di diritti e di identità.” – conclude il Sottosegretario Pucciarelli