Abbandono dei rifiuti: una ricerca di WeClean rivela vizi e virtù degli Italiani (e dei Sardi)

WeClean, associazione no-profit che opera per la salvaguardia e la valorizzazione delle aree ambientali di pregio, ha sviluppato anche un focus specifico sulla Sardegna, regione in cui WeClean ha avviato un primo progetto pilota di intervento a tutela, salvaguardia e valorizzazione ambientale.

Sacchi e sacchetti di spazzatura ai margini delle strade, bottiglie di plastica
nei boschi, mozziconi di sigaretta e lattine nella sabbia degli arenili. Basta
guardarsi intorno per rendersi conto di come sia diffuso e tollerato il vizio
italiano di usare l’ambiente come consueta discarica di rifiuti, mentre
pigrizia, indifferenza, ignoranza, portano a considerare scomodo o inutile
portarli fino a un cassonetto, a un cestino, a un luogo di raccolta o,                    semplicemente, a casa.

Ma cosa pensano gli italiani di questo fenomeno? Come lo percepiscono?
Cosa credono sia necessario fare per superarlo riducendo non solo i danni
all’ambiente, ma anche al turismo e in generale alla qualità della vita? A
quali Regioni attribuiscono la maglia nera, e quali considerano virtuose?
E più in particolare, come percepiscono e valutano i cittadini e le
cittadine sarde lo stato di pulizia e conservazione della loro terra?
A quali cause e responsabilità attribuiscono le condizioni di degrado
soprattutto lungo la rete stradale, sugli arenili, nelle zone ambientali di
pregio?

Quali soluzioni propongono? E come collocano gli italiani la Sardegna
nella classifica delle Regioni in materia di abbandono dei rifiuti e degrado
del territorio?

advertisement

Per rispondere a queste e a molte altre domande WeClean, Associazione
no-profit che opera per la salvaguardia e la valorizzazione delle aree
ambientali di pregio, ha promosso e finanziato nelle scorse settimane la
prima Ricerca di mercato a livello nazionale su questo tema, sviluppando
anche un focus specifico sulla Sardegna, Regione in cui WeClean ha
avviato un primo progetto pilota di intervento a tutela, salvaguardia e
valorizzazione ambientale.

La Ricerca condotta fornisce in particolare una vasta serie di informazioni,
valutazioni e suggerimenti su un territorio, quello sardo, che pur
rivelando criticità note e meno note si colloca comunque in un quadro di
opportunità e di prospettive positive per affermarsi sempre più come
luogo di eccellenza per sensibilità e iniziative in campo ambientale.
L’intero Sondaggio e i suoi risultati saranno presentati Giovedì 5 agosto ad
Alghero. Alghero è del resto proprio la città scelta da WeClean per
annunciare e avviare il programma pilota delle attività sul territorio sardo
nella stagione in corso.

A poche ore da questa Conferenza Stampa, infatti, Sabato 7 agosto, in
località Maria Pia, una delle zone balneari più frequentate da residenti e
turisti, si terrà la prima giornata di pulizia e qualificazione della pineta e
delle dune attigue all’arenile. Squadre WeClean con mezzi elettrici e
gruppi di Volontari daranno così via a un’azione destinata a svilupparsi
con sistematicità ed efficienza nel prosieguo della stagione.

Questo progetto pilota si modulerà successivamente in altri luoghi di
particolare pregio dell’algherese, anche sulla base della stretta e proficua
collaborazione avviata da WeClean con il Comune di Alghero, con l’Ente
Parco di Porto Conte e con importanti soggetti imprenditoriali privati del
territorio.