Olbia: arresto per spaccio, 2 denunciati per resistenza a pubblico ufficiale

Droga sequestrata

Ieri pomeriggio la Polizia di Stato ha arrestato ad Olbia un 25enne per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti e denunciato altri due per resistenza a pubblico ufficiale.

Il giovane è stato fermato dalla Volante nelle vie della frazione di Murta Maria mentre camminava portando con sé in spalla uno zaino.

Già noto agli agenti per i suoi trascorsi giudiziari, il ragazzo è risultato essere in possesso di una busta di nylon trasparente contenente oltre 50 grammi di marijuana, custodita all’interno della sacca.

Le ulteriori perquisizioni eseguite presso la sua abitazione hanno permesso di rinvenire altri due etti di marijuana e diversi grammi di hashish, una parte del quale già confezionata in dosi e pronta per essere venduta; nel frangente è stato recuperato tutto l’occorrente utile al confezionamento in dosi.  

advertisement

Il giovane è stato tratto in arresto e accompagnato in regime di arresti domiciliari presso la sua abitazione, in attesa del dibattimento previsto con rito direttissimo, cosi come disposto dall’Autorità Giudiziaria. 

Sempre nei giorni scorsi gli agenti del Commissariato sono intervenuti nei pressi del passaggio a livello presente nel centro di Olbia, dove alcuni cittadini avevano segnalato una violenta rissa tra diverse persone. 

Sul posto, sono stati identificati una coppia olbiese lui 40enne e lei 35enne, i quali hanno riferito di aver avuto poco prima una discussione con un uomo, anche lui olbiese di 61 anni, allontanatosi dal posto.

I due soggetti, già noti per i trascorsi giudiziari, alla vista dei poliziotti, anziché calmarsi hanno avuto un atteggiamento non collaborativo, rifiutando le cure dei sanitari presenti sul posto. La situazione è degenerata in un vero e proprio parapiglia finchè la donna, totalmente alterata dall’alcool, ha cercato di aggredire il suo compagno ed i poliziotti. Solo dopo alcune ore la donna, smaltiti gli effetti dell’alcool, ha acconsentito ad essere accompagnata presso il pronto soccorso, per verificare le sue condizioni.

La coppia è stata denunciata a piede libero, per resistenza a pubblico ufficiale.