Fratelli Godano: le angurie che nutrono il Sud Italia

Fratelli Godano angurie

A Crotone, al via la stagione estiva della Società agricola Fratelli Godano con la triade miracolosa composta dalla tipica anguria, quella nera di medie dimensioni e il melone gialletto.

Sarà che i colori richiamano un po’ un senso d’italianità, sarà che non può essere estate senza una buona fetta da tagliare in spiaggia, l’anguria è certamente il frutto che identifica la bella stagione. Rinfrescante, idratante e soprattutto ricca di proprietà che la rendono adatta anche ai bambini, il cocomero appartiene alla cultura mainstream degli italiani perché fa festa, fa famiglia e riunisce gli amici (almeno un numero anti assembramento) nelle sere estive dopo cena.

Lo sa bene la Società agricola dei Fratelli Godano che in quel di Crotone, dal 1971, assurge a prodotto di punta della propria produzione l’anguria.

Il frutto in questione dell’azienda pitagorica è zuccherino e succoso, e allieta le tavole non solo della regione Calabria, ma di tutto il Sud e il Centro Italia. “Un’attenzione certosina alla concimazione è quello che ci contraddistingue”, dichiara uno dei tre proprietari Gaetano Otranto Godano che, assieme agli altri 2 fratelli, Santo e Vincenzo, porta avanti l’impresa di famiglia ormai alla terza generazione.

Assieme all’anguria continuerà, fino al termine di agosto, la raccolta dell’anguria nera di medie dimensioni: un vero e proprio gioiello fruttariano che si contraddistingue per la tanta polpa e i pochissimi semi. Si riconosce per la buccia scura e per il suo formato che la rende più facile da trasportare e conservare in frigo. Oltre a essere facilmente digeribile. “Ci prendiamo cura di venti ettari di salute e con questo prodotto, dove spiccano i colori rosso e la classe della buccia nera, abbiamo raggiunto alti standard qualitativi”, prosegue Gaetano Otranto Godano. Insomma, si tratta di uno dei maggiori successi della produzione agricola moderna.

advertisement

Dulcis in fundo, dopo le ferie agostane, si proseguirà fino a fine settembre con il melone gialletto: la varietà gialla dalla polpa morbidissima e dal profumo che si percepisce già al taglio.  

“Il nostro obiettivo conclude – Gaetano – è quello di offrire da sempre frutta buona e dall’ottima conservabilità”.