Areste Paganòs al TAB Sardegna Teatro e Is Mascareddas

Al TAB Sardegna Teatro e Is Mascareddas mostrano Areste Paganòs con la collaborazione di FabLab di Sardegna Ricerche mercoledì 9 e giovedì 10 Giugno dalle 10 alle 18

Al TAB Sardegna Teatro e Is Mascareddas mostrano Areste Paganòs con la collaborazione di FabLab di Sardegna Ricerche mercoledì 9 e giovedì 10 Giugno dalle 10 alle 18

 

Mercoledì 9 e giovedì 10 giugno, dalle ore 10 alle ore 18 allo spazio TAB a Sa Manifattura, Sardegna Teatro e Is Mascareddas propongono Areste Paganòs, eroe burattinesco  iconico, ideato e creato da Is Mascareddas nel 1992.

advertisement

Le macchine 3D messe a disposizione dal FabLab di Sardegna Ricerche lavorano per due giorni per mostrare a tutti i visitatori il passaggio dal burattino di legno a quello in PLA.

PLA il filamento comunemente usato nella stampa 3D con tecnologia FDM, materiale termoplastico che deriva da amido di mais, canna da zucchero e arricchito da polvere di legno.

La collaborazione con FabLab di Sardegna Ricerche prototipa l’ eroe burattinescopere farne un burattino più piccolo che verrà messo in vendita.

Areste Paganòs è figlio di Pulcinella e del diavolo, il suo nome rimanda alla natura selvaggia, mentre il cognome ricalca l’epiteto con cui venivano chiamati certi diavoli nelle leggende isolane. Il suo  volto è ispirato alla maschera carnevalesca “Boe”, di Ottana (paese al centro della Sardegna), una maschera lignea, detta carazza che raffigura un bove selvatico, ma anche ai tratti duri del muflone di montagna. La maschera della tradizione è un pezzo unico  scolpita in legno di pero, mentre nel nostro personaggio la maschera  si divide in due parti, una rigida  applicata sul viso e l’altra morbida in stoffa che diventa quasi un berretto/cappuccio come indossano la maggior parte di eroi burattineschi. Creatura diabolica con tratti animaleschi di natura ancestrale, Areste, è addolcito dal suo stato di burattino.

Buono, forte, coraggioso e testardo, come i suoi compagni di avventura è sempre pronto a difendere i deboli, a risolvere le ingiustizie utilizzando la furbizia e, se necessario, a menare colpi. Veste una bella camicia bianca plissettata come quelle maschili del costume tradizionale sardo, e un gilè di pelo di pecora o di stoffa damascata.