La Grande Prosa del CeDAC Sardegna riparte il 18 maggio da “Mimì”

Si alza il sipario su “La Grande Prosa” firmata CeDAC che “riparte” anche a Cagliari e Sassari con l’auspicato ritorno alla “zona gialla”.

Quattro i titoli in cartellone tra maggio e giugno, per una programmazione affascinante tra ironia e dramma, capace di conquistare gli amanti del teatro ma non solo.

Focus sulla drammaturgia contemporanea, in un sapiente gioco di rimandi e intrecci fra teatro, cinema e letteratura, con i nomi di punta della scena italiana – da Emma Dante ad Arturo Cirillo, dall’istrionica Francesca Reggiani in coppia con Massimo Olcese a un moderno cantastorie come Mario Incudine, recentemente applaudito nell’Isola in “Barbablù”. 

Un calendario “ripensato” e rimodulato per non tradire le aspettative del pubblico e offrire a spettatori e abbonati – nel rispetto delle regole e delle distanze di sicurezza – pièces interessanti e originali, tra ritratti d’artista e affreschi di varia umanità, brillanti commedie e spunti di riflessione sulle contraddizioni e i paradossi del reale. 

Ouverture tra parole e musica per la Stagione 2020-2021 de “La Grande Prosa” organizzata dal CeDAC / Circuito Multidisciplinare dello Spettacolo dal Vivo in Sardegna che riparte martedì 18 maggio con il debutto nell’Isola di “Mimì. Da sud a sud sulle note di Domenico Modugno” di e con il cantautore e attore siciliano Mario Incudine, per la regia di Moni Ovadia e Giuseppe Cutino. Un avvincente viaggio tra storie ed emozioni per raccontare il sogno di un giovane artista, di oggi come di ieri, con lo spettacolo in cartellone da martedì 18 fino a sabato 22 maggio alle 20.30 al Teatro Massimo di Cagliari, domenica 23 e lunedì 24 maggio alle 20.30 al Teatro Comunale di Sassari e infine martedì 25 maggio alle 20 all’AMA / Auditorium Multidisciplinare di Arzachena – in collaborazione con Deamater. 

advertisement

S’intitola “Misericordia” il nuovo spettacolo scritto e diretto da Emma Dante, drammaturga e regista di punta della scena contemporanea, in scena da martedì 25 fino a domenica 30 maggio al Teatro Massimo di Cagliari (tutti i giorni alle 20.30, tranne la domenica alle 19), poi lunedì 31 maggio e martedì 1 giugno alle 20.30 al Teatro Comunale di Sassari, per un poetico e struggente ritratto di famiglia in un “inferno”. Focus sui legami di sangue e gli affetti e sulla condizione degli ultimi, i diseredati e gli emarginati in una pièce di forte impatto visivo, interpretata da Italia Carroccio, Manuela Lo Sicco, Leonarda Saffi e Simone Zambelli, che «racconta la fragilità delle donne, la loro disperata e sconfinata solitudine».

Atmosfere ottocentesche per “Orgoglio e pregiudizio” di Jane Austen, nell’adattamento teatrale di Antonio Piccolo con la regia di Arturo Cirillo, anche protagonista accanto a Valentina Picello, Francesco Petruzzelli, Sabrina Scuccimarra, Rosario Giglio, Sara Putignano, Giacomo Vigentini e Giulia Trippetta. In programma dal 1 al 6 giugno al Teatro Massimo di Cagliari e il 7 e l’8 giugno al Teatro Comunale di Sassari, lo spettacolo disegna un intrigante affresco della società, tra riti mondani, giochi di sguardi, balli e conversazioni in cui si decide il futuro delle fanciulle e dei giovanotti assennati e dotati di un discreto patrimonio, in un’epoca in cui il matrimonio appare come ineludibile momento di passaggio dall’adolescenza all’età adulta. 

Chiuderà in bellezza il cartellone “Souvenir. La fantasiosa vita di Florence Jenkins” di Stephen Temperley con Francesca Reggiani, in scena accanto a Massimo Olcese e Francesco Leineri: l’attrice interpreta con verve e brio una dama dell’alta società newyorkese amante del belcanto che riuscì a esibirsi nella prestigiosa Carnegie Hall. Una catastrofe annunciata, data la mancanza di talento, cui supplivano però la passione e l’entusiasmo della singolare eroina, a cui è ispirato anche “Florence”, il fortunato film di Stephen Frears con Meryl Streep. “Souvenir” – dopo la prima il 7 giugno all’AMA di Arzachena in collaborazione con Deamater – è in programma dall’8 al 12 giugno all’Auditorium del Conservatorio “G. Pierluigi da Palestrina” di Cagliari e il 13 giugno al Teatro Comunale di Sassari.

Slitta invece all’autunno il debutto nell’Isola di “The Red Lion” di Patrick Marber, nella versione di Andrej Longo, con Nello Mascia e Andrea Renzi, per una fotografia del mondo del calcio tra sogni di gloria e disincanto. 

Riprende la campagna abbonamenti per “La Grande Prosa” del CeDAC: a Cagliari i nuovi abbonamenti sono disponibili online su vivaticket.it e al BoxOffice in viale Regina Margherita 43 (dove sarà possibile utilizzare i voucher de La Stagione di Prosa 2019-2020) – per informazioni: cell 345/4894565 – e-email: biglietteria@cedacsardegna.it; a Sassari sarà possibile acquistare i nuovi abbonamenti – oltre che online su vivaticket.it – presso la Libreria Koinè in via Roma 137 (dove sarà anche possibile utilizzare i voucher de La Stagione di Prosa 2019-2020) per informazioni: cell. 339/1560328 – e-mail: circuitoteatralesardo@gmail.com.

Per Arzachena – informazioni: tel. 329 587 9388 – deamater@gmail.comwww.deamater.it.

Tutti i dettagli sul sito www.cedacsardegna.it.

 

NB. I voucher da utilizzare sono quelli della Stagione di Prosa – i voucher Danza non sono validi per la Stagione de La Grande Prosa 2020-2021.

La Stagione 2020-2021 de “La Grande Prosa” al Teatro Massimo e al Conservatorio di Cagliari e al Teatro Comunale di Sassari è organizzata dal CeDAC/ Circuito Multidisciplinare dello Spettacolo dal Vivo in Sardegna con il patrocinio e il sostegno del MiC/ Ministero della Cultura, dell’Assessorato della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport della Regione Autonoma della Sardegna e dei Comuni di Cagliari e Sassari e con il contributo della Fondazione di Sardegna.