Cabras (Ace): chiudere nuraghe Sirai contraddice slogan della Regione

Nuraghe Arrubiu di Orroli - Festival dell'equinozio di primavera.
Nuraghe Arrubiu di Orroli.

Roma, 6 mag. – “La chiusura dei cantieri archeologici del Nuraghe Sirai contraddice lo slogan ‘la Sardegna verso l’Unesco’ che la Regione ha lanciato qualche giorno fa”.

Lo ha affermato Pino Cabras, deputato de L’Alternativa c’è, in seguito al deposito di un’interrogazione parlamentare sulla chiusura dei cantieri archeologici del Sulcis.

“L’assenza di questi siti, peculiari e identitari del Sulcis, sottrae questo particolare territorio ai canali che gli assicurerebbero una forte visibilità”

“La chiusura dei cantieri – spiega il primo firmatario dell’interrogazione – è dovuta a una scelta ben precisa della Regione, la quale ha deciso di non inserire i siti nel nuovo bando di affidamento servizi. Questo pregiudica la collocazione dei nuraghi all’interno dei canali Unesco, senza cui decadono i molti potenziali benefici che un bene come il Nuraghe Sirai potrebbe produrre per tutto il territorio del Sulcis”. 

Oltre al danno economico e d’immagine c’è anche un altro grosso problema.

Come hanno denunciato archeologi e maestranze, la chiusura porterà a una accelerazione del processo di degrado dei beni culturali, compromettendone la loro conservazione e fruizione pubblica. Stiamo parlando di importanti luoghi storici – conclude il deputato – custodi della memoria collettiva e privata. Non possiamo chiuderli e buttare via la chiave”.