a1 femminile

Arriva il mese della verità

A maggio le giornate allungano, il clima si fa sempre più mite e le norbellissime vedono in fondo al tunnel la luce ancora fioca della salvezza. Un campionato cominciato non benissimo, quello di A1 femminile ma raddrizzato parecchio con il successo esterno sulla Bagnolese, squadra che si giocherà lo scudetto nelle finali play off contro il Castel Goffredo.

Il tepore primaverile che coprirà i panorami bucolici adiacenti la palestra comunale di via Azuni dovrà dare la carica alle ragazze che hanno dimostrato non solo con il loro curriculum, ma anche nei fatti di non meritare i bassifondi della graduatoria.

Ma come si dice, nel quinto mese dell’anno “tutto è suggerito ma niente è ancora soddisfatto”: infatti se ne vedranno delle belle con gli altri epiloghi di A1 maschile, B femminile e A2 paralimpici. E poi, finalmente, ritorna la Europe Cup che farà confluire in Serbia l’ammiraglia di A1 femminile e altre undici formazioni continentali impegnate dal 6 al 9 maggio.

advertisement

“Se penso al calendario mi viene la pelle d’oca – esclama il presidente Simone Carrucciu – ma in questi casi gli impegni vanno cavalcati uno alla volta. Ora ho in mente la data del Primo Maggio, e spero che le nostre atlete la possano onorare con un “buon lavoro” sul tavolo di gara. Le attendo motivate e allo stesso tempo sorridenti, sono brave e devono continuare a dimostrarlo. Buon tennistavolo a tutti”.

Un successo metterebbe quasi al riparo

Rispetto al colpaccio inferto alla Bagnolese il trio giallo blu cambia sensibilmente: alle riconfermate Katerina Toliou e Krisztina Nagy, si associa la rientrante Chiara Colantoni. Insomma, una compagine che può mostrare nitidamente gli artigli ad un Cortemaggiore probabilmente già appagato per questo campionato. Certo è che le sue tre atlete under 21, fresche vicecampionesse d’Italia come Jamila Laurenti (n. 9 d’Italia), Arianna Barani (10) e Valentina Roncallo (11) saranno atleticamente molto preparate. E se poi atterrassero in Sardegna anche le intrepide russe Valentina Sabitova e Olga Kulikova che all’andata castigarono senza pietà le giallo blu, la situazione diverrebbe più complessa ma per niente proibitiva.

Il tecnico Eliseo Litterio non assisterà alla gara ma ciò non allenta la sua attenzione agli sviluppi sul campo. “Mancano quattro gare da giocare e l’obiettivo salvezza è ancora da conquistare – sottolinea il maestro molisano – ma dopo la vittoria in trasferta con la Bagnolese le nostre ragazze hanno ritrovato il morale che spero mantengano anche nel confronto di sabato. Sia chiaro, non sarà determinante per le nostre sorti, ma indubbiamente potrebbe dare un’ulteriore scarica di ottimismo da ripercuotersi nelle tre fondamentali sfide future con Eppan Bolzano (andata e ritorno) e Quattro Mori Cagliari”. A Norbello, secondo Litterio, si dovranno curare tre sfaccettature: “Provare a vincere per venir fuori al più presto dalla zona retrocessione, acquisire la giusta tonicità di squadra che assicuri un ottimo rendimento nel rush finale del campionato e infine approfittare di questa vetrina per mettersi in luce anche in vista di una conferma per la prossima stagione nel sodalizio giallo blu”.