Ecco i vincitori della V edizione Premio musicale “Matteo Sanna”

vincitori della V edizione del Premio musicale

Proclamati lo scorso 7 aprile al Conservatorio di Musica di Cagliari vincitori della V edizione del Premio musicale “Matteo Sanna”.

Premiati gli allievi dei Conservatori di musica di Cagliari e Sassari.

 

Il Premio Musicale “Matteo Sanna”, bandito dall’Associazione Matteo Sanna La.Tua.Musa, si occupa di favorire e promuovere la formazione culturale e artistica dei giovani.

L’evento si è svolto a porte chiuse, nel rigoroso rispetto della normativa emanata al fine di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19 e in osservanza del protocollo anti-Covid adottato dal Conservatorio di Cagliari.

advertisement

I riconoscimenti in palio: una borsa di studio di € 1000 al primo classificato, di € 600 al secondo, più un premio speciale di € 500 al terzo classificato, attribuito a insindacabile giudizio dell’Associazione.

I premi sono stati assegnati al termine delle esecuzioni in base alle valutazioni espresse dalla giuria tecnica composta da Aurora Cogliandro (direttore del Conservatorio di Cagliari), Mariano Meloni (direttore del Conservatorio di Sassari), Stefano Melis (vicedirettore del Conservatorio di Sassari), Massimo Tore (docente del Conservatorio di Cagliari) e Candida Manca (presidente dell’Associazione La.Tua.Musa).

Questo il podio: primo classificato, il gruppo jazz formato da Jacopo Careddu (batteria jazz), Marco Maltalenti (tromba jazz), Raffaele Puglia (pianoforte jazz), allievi del Conservatorio di Sassari; seconda classificata, Eleonora Steri (fisarmonica), allieva del Conservatorio di Cagliari; terzo classificato, il gruppo jazz formato da William Calledda (batteria jazz), Valentino Cubeddu (pianoforte jazz), Riccardo Dore (chitarra jazz), Daniele Pistis (contrabbasso jazz), studenti del Conservatorio di Sassari.

Nel complimentarsi con i partecipanti, Aurora Cogliandro, direttore del Conservatorio di Cagliari. ha sottolineato il fatto che tutti loro fossero «dei vincenti, in quanto presenti a testimoniare con gioia e impegno, nonostante le oggettive difficoltà, il loro lavoro e la passione per la musica».