Nuoro: denunce per truffa, detenzione di stupefacenti e ricettazione

Nuoro denunce 5 marzo comunicato Cp_Siniscola Isili (3)

Il Comando Provinciale di Nuoro ha denunciato varie persone nella Provincia per truffa, detenzione di stupefacenti e ricettazione.

Compagnia di Siniscola: deferimenti per truffa e per indebito utilizzo di carte di credito

I Carabinieri della Stazione di Dorgali (Nu) hanno denunciato in stato di libertà M.I., catanese cl.97 e D.C., messinese cl.2001, i quali dopo aver pubblicato l’annuncio per la vendita di una consolle di videogiochi si facevano versare la somma pattuita senza inviare la merce acquistata.

Per analogo reato, i militari della Stazione di Budoni (Ss) hanno denunciato tre reggini, S.S. cl.’96, S.G. cl.’69 P.F. ’91, che dopo aver pubblicato l’annuncio per la vendita di un trattore si facevano versare la somma di euro 7.400 senza corrispondere quanto dovuto alla vittima.

Sempre i Carabinieri della Stazione di Budoni (Ss) hanno denunciato in stato di libertà P.M.G. piemontese cl.’78, il quale utilizzava fraudolentemente la carta di credito della vittima su noti siti di acquisti online. 

advertisement

Compagnia di Isili: segnalazione alla Prefettura per detenzione di stupefacenti per uso personale

I Carabinieri della Stazione di Nurallao, durante i controlli sul territorio, hanno contestato la detenzione di stupefacente per uso personale ad un 48 di Oristano trovato in possesso di circa 2 grammi di sostanza del tipo “marijuana”. Era stato il suo comportamento anomalo ad insospettire i militari operanti durante un controllo alla circolazione stradale e ad indurli ad approfondire le verifiche. All’uomo è stata ritirata anche la patente di guida. 

Compagnia di Lanusei: denuncia per ricettazione

I Carabinieri della Stazione di Urzulei a gennaio ricevevano la denuncia del furto di un Iphone 8, rigenerato, comprato on-line. Lo Smartphone acquistato on line su un sito non molto conosciuto non giunse mai a destinazione, ma raggiunse l’abitazione di un altro soggetto.

A seguito degli accertamenti, i Carabinieri di Urzulei indirizzavano i colleghi di Pisa presso un’abitazione di un giovane rumeno e proprio li, a seguito di una perquisizione, si rinveniva il telefono cellulare, che presto sarà restituito alla giovane studentessa.