Mondo Libero dalla Droga: prevenzione a Oristano

Mondo Libero dalla Droga
Drug addict buying narcotics and paying

Mondo Libero dalla Droga: ancora prevenzione nelle strade di Oristano.

 Nella mattinata di giovedì 4 marzo i volontari faranno la distribuzione dei libretti nelle strade e negozi del centro cittadino.

 Il fenomeno droga continua ad essere sempre al centro della cronaca. Nei piccoli come nelle grandi città, i ragazzi sono attratti dall’illusione che fuggire dalla realtà sia la panacea per sperimentare nuove sensazioni. Le bugie degli spacciatori fanno breccia su di loro più di qualsiasi altro “buon consiglio”.

advertisement

I volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga e della Chiesa di Scientology della Sardegna sono impegnati costantemente a contrastare questa situazione e lo fanno diffondendo le corrette informazioni sugli effetti delle droghe, siano esse legali o illegali, “leggere” o “pesanti”.

“Siamo stanchi di chi spaccia lo sballo per salute” ha dichiarato il responsabile regionale della Fondazione che, nel richiedere attività sempre più intense ai volontari, li incita a coinvolgere anche le altre associazioni impegnate nel settore della prevenzione e quelle tante brave persone di buon senso che vorrebbero fare qualcosa in merito ma che non hanno le armi per attivarsi autonomamente.

“La malsana idea di distinguere le droghe tra leggere e pesanti – continua il volontario – sta deviando l’attenzione sul problema vero che è, in primo luogo, quello di evitare che i ragazzi entrino in quel mondo. Si dà il caso che i ragazzi inizialmente non ci caschino con le droghe “pesanti” ma sempre con quelle definite “leggere” che, per dichiarazione degli stessi consumatori, sono la porta d’ingresso alle droghe pesanti.”

 “La droga è l’elemento più distruttivo presente nella nostra cultura attuale” disse il filosofo e umanitario L. Ron Hubbard in suo celebre scritto. Combattere contro qualsiasi elemento distruttivo della società è un dovere morale di qualsiasi persona dotata di senso civico, soprattutto se quell’elemento distruttivo interessa direttamente il futuro della società stessa: i giovani.

Info sui materiali: www.noalladroga.it