Nuraghi patrimonio Unesco: corto su Netflix per promuovere candidatura

Il piano per un cartone animato ambientato in Sardegna da mandare in onda su Netflix

Unesco Netflix Sardegna cartone-animato-nuraghi

Potrebbe finire su Netflix il cartone animato ambientato in Sardegna per rafforzare la candidatura Unesco del patrimonio nuragico sardo.

C’è infatti un protocollo d’intesa tra il comitato Sardegna Verso l’Unesco e la Fondazione Sardegna Film Commission per promuovere la candidatura dei nuraghi alle Nazioni Unite.

Una clip di presentazione del cartoon è stata mostrata durante la conferenza stampa del 23 febbraio scorso a Cagliari. La bozza di lavoro, ancora da completare, mostra dei protagonisti chiaramente ispirati ai bronzetti nuragici del museo archeologico del capoluogo sardo.

“Ma il nostro fine principale – ha spiegato il presidente del comitato Michele Cossa – è quello di valorizzare la nostra storia. Anche per promuovere un territorio che può dare molto ai visitatori non solo d’estate, ma dodici mesi all’anno”. 

Per questo la Commissione si è rivolta alla Film Commission con l’obiettivo di portare la Sardegna in giro per il mondo e farla scoprire anche grazie a film, serie tv, cartoni animati e videogame.

advertisement

Ispirata dall’idea, Anne Sophie Vanhollebeke, presidente di Cartoon Italia, ha dichiarato che la Sardegna potrebbe finire presto su Netflix con un lungometraggio di animazione.

“Netflix ha deciso di investire molte risorse in questo settore – ha spiegato Vanhollebeke – e anche la Sardegna sará coinvolta: è già un invito a tirare fuori delle idee e iniziare a pensare che cosa si può fare”.

Di recente la Sardegna è stata protagonista sulla piattaforma streaming di uno dei viaggi del celebre attore Zac Efron, alla ricerca dei segreti sulla longevità. La puntata dedicata all’Isola è la quarta parte della serie tv “Con i piedi per terra”.

Inoltre l’Isola è stata centrale nella trama del film tedesco “What we wanted“, tradotto in italiano “La vita che volevamo”, uscita su Netflix l’11 novembre 2020. La pellicola è stata girata interamente in Sardegna nell’estate 2019 e candidata dall’Austria agli Academy Awards 2020 per l’Oscar come “Migliore film straniero“.

Intanto, il prossimo 26 maggio a Cagliari si terrà nuovamente Cartoon Digital, uno degli eventi più importanti per l’animazione internazionale, con produttori provenienti da tutto il mondo. 

Tutte preziose opportunità per la promozione dell’Isola che darebbero una grossa mano al comparto turistico, in crisi nera a causa dell’emergenza Covid.

Per coglierle la Sardegna deve riuscire ad attivarsi e far tesoro del proprio enorme patrimonio culturale.

Gloria Cadeddu