Elia Origoni: viaggio in solitaria, dalla Sardegna a Trapani a remi

Elia Origoni in barca

Il giovane Elia Origoni è in viaggio in solitaria per percorrere l’intero Sentiero Italia in 8 mesi.

Elia ha appena terminato la Sardegna e proprio ieri si è imbarcato per raggiungere Trapani a remi.

Esatto! A remi! Perché l’idea di Elia è proprio questa, percorrere il Sentiero completamente free da mezzi pubblici, solo con la forza dei passi, e delle braccia. In totale autonomia. Un gesto importante e simbolico, un tributo alla sostenibilità e a un approccio rispettoso a quell’ambiente così prezioso, che ogni anno accoglie ogni nostra terapeutica fuga dalla quotidianità, che ci consente di rallentare e sostiene il nostro benessere psicofisico.
Sebbene sia un grande camminatore (Elia è accompagnatore di media montagna e ha già camminato da Vienna a Genova in solitaria nel 2015, all’età di 24 anni) non è un vogatore altrettanto esperto, ciò nonostante questa volta ha voluto mettersi alla prova anche nell’elemento fluido, attrezzandosi, in solitaria, con una barca a remi che è già stata protagonista di una traversata oceanica.

Ieri Elia ha lasciato il porto di Villasimius e ha iniziato a vogare.

Oggi il meteo lo aiuterà ma nei prossimi giorni il Libeccio gli darà filo da torcere! Se tutto va bene, sabato in giornata dovrebbe raggiungere il porto di Trapani dove ad accoglierlo ci sarà in ‘remoto’ un’entusiasta sezione CAI di Erice rappresentata dal Presidente della Sezione CAI Erice e Agro Ericino Vincenzo Fazio che su un gommone, insieme alla Lega Navale di Trapani, andrà incontro ad Elia per dargli il ben venuto in Sicilia e raccogliere le sue prime impressioni su questa lunghissima vogata.
Elia verrà quindi accompagnato all’ormeggio in porto, e da qui lungo la sua prima tappa siciliana che terminerà  nella splendida baita di Erice, dove sarà ospite del CAI, che è il primo – e paesaggisticamente straordinario – punto tappa e punto accoglienza ufficiale del Sentiero Italia in Sicilia.
Come ha vissuto le sue notti in mare? Come si è sentito, da esperto montanaro, ad essere in balia del mare? Che emozioni differenti dà l’affidarsi alle braccia quando il tuo punto forte sono sempre state le gambe?

L’arrivo di Elia a Trapani sarà certamente un momento intenso a cui speriamo vorrete mediaticamente partecipare.

Vincenzo FazioPresidente della Sezione CAI Erice e Agro Ericino, sarà l’organizzatore dell’accoglienza di Elia primo a raccogliere le sue prime impressioni.
Per seguire Elia:
Sito ufficiale Sentiero Italia CAI: