Archeoclub: campagna mediatica di valorizzazione del territorio italiano

ArcheoClub d'Italia - sito protostorico a Noto

Archeoclub d’Italia lancia una vasta campagna mediatica di valorizzazione del territorio italiano: Press Tour a Ferentino – Press Tour in Veneto – Press Tour in Sicilia.

Santanastasio: “Ringrazio la stampa. Per Ferentino accreditate testate giornalistiche in rappresentanza di 25 Nazioni, a breve lanceremo anche il Press Tour con viaggio archeologico in Sicilia, Press Tour in Veneto con valorizzazione dell’isolotto del Lazzaretto. Nel Mese di Maggio importante WeBinar con il Maggiore Giampaolo Brasili, Comandante Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale della Regione Campania; il Maggiore Gianluigi Marmora, Comandante Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale della Regione Sicilia, sulla tutela del Patrimonio Culturale”.

“Press Tour in tutta Italia per raccontare in modo orgoglioso, giusto e coinvolgente la nostra Italia.

Un Press Tour a Ferentino, nella zona centrale dell’Italia, nel Lazio, Press Tour in Sicilia dove faremo un viaggio nella cultura archeologica di questa meravigliosa isola, ad esempio ammireremo gli scavi in corso in aree siciliane e davvero unici, poi Press Tour a Venezia dove c’è l’isolotto del Lazzaretto che valorizzeremo e visiteremo. A Ferentino, con la stampa entreremo in un vero laboratorio della rinascenza post covid, in grado di trasformare in realtà quanto stabilito dal Recovery plan per i Beni Culturali. Un luogo periferico che ridiventa rinascenza. Il 30 Maggio entreremo nel Teatro Romano, portato alla luce, ma visiteremo la Domus Romana, il Mercato, entreremo in una città – laboratorio che sta coinvolgendo l’intera comunità nell’opera di tutela di un territorio che comprende ben 26 siti archeologici”. Ha affermato Rosario Santanastasio, Presidente Nazionale di Archeoclub d’Italia.

Per Ferentino accreditate già testate giornalistiche di 25 Paesi diversi.

“Con grande gioia comunico che la scelta dei Press Tour messa in campo da Archeoclub d’Italia si sta rivelando davvero vincente, importante – ha continuato Santanastasio – e ad esempio su Ferentino abbiamo già giornalisti in rappresentanza di ben 25 Nazioni diverse e li ringrazio tutti per essere con noi a raccontare l’Italia. Ma saranno un successo anche i nuovi Press Tour che lanceremo a breve di cui uno in Sicilia ed un altro a Venezia e che si terranno dopo Ferentino. A Ferentino, con la stampa entreremo in un vero laboratorio della rinascenza post covid, in grado di trasformare in realtà quanto stabilito dal Recovery plann per i Beni Culturali. Un luogo periferico che ridiventa rinascenza. Il Teatro Romano, portato alla luce, grazie ad una grande opera di restauro, appena finanziata, vedrà il recupero di tutti gli elementi. Siamo dinanzi ad un modello innovativo su scala nazionale, una vera, reale città – laboratorio della rinascenza per l’Italia, a pochi chilometri da Roma”.

advertisement

Archeoclub costantemente impegnata sulla tutela del patrimonio culturale italiano.

“A breve Archeoclub d’Italia APS organizzerà un webinar e che in realtà rappresenta un vero e proprio dibattito tra le Istituzioni preposte alla tutela e la nostra associazione, per vocazione impegnata nella valorizzazione – ha proseguito Santanastasio – promozione e salvaguardia dei beni culturali e ambientali. Il WeBinar del quale daremo maggiori dettagli alla stampa nei prossimi giorni, sarà su “La Tutela del Patrimonio Culturale: impegno e responsabilità comune”. Con noi saranno: il Maggiore Giampaolo Brasili, Comandante Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale della Regione Campania; il Maggiore Gianluigi Marmora, Comandante Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale della Regione Sicilia.

Da 52 anni, precisamente dal 3 maggio del 1969, il Nucleo – oggi Comando – Tutela Patrimonio Culturale, opera nel territorio nazionale e all’Estero per la tutela e la salvaguardia dell’Arte. Uomini dello Stato, appositamente formati e supportati da strumenti e tecniche innovative, lavorano con competenza e passione affinché vengano represse tutte le forme criminali che insidiano e aggrediscono i nostri beni culturali e la storia dell’umanità che questi rappresentano e raccontano.

Per l’Associazione Archeoclub d’Italia le finalità e gli obiettivi che il Comando Tutela persegue sono, fin dalla propria costituzione nel 1971, elementi fondanti di un impegno per la promozione della conoscenza, del rispetto, della tutela (nelle sue molteplici sfaccettature) e fruizione responsabile e consapevole del Patrimonio Culturale, volto a favore delle comunità territoriali di ogni sede associativa.

Questo incontro, pertanto, avrà lo scopo di confrontarsi sul tema della tutela alla luce dei tempi che stiamo attraversando, per comprendere al meglio i “fenomeni” che minano il patrimonio culturale e per trovare il modo di sviluppare nei territori una collaborazione sinergica tra il Comando Tutela e l’Archeoclub d’Italia”.

 

L’Archeoclub l’associazione dal e per il territorio!

“Noi siamo associazione nazionale che però opera all’interno dei territori, dei comuni. Ferentino ha mura possenti come quelle di Cefalù in Sicilia. Gli abitanti delle nostre città – ha dichiarato Flora Rizzo, Vice Presidente Nazionale di Archeoclub d’Italia – devono essere consapevoli di vivere in luoghi carichi di storia e straordinari. Prima di aprirci verso l’esterno dobbiamo coinvolgere la città. Stiamo lavorando in questa direzione”.

E il 2 Aprile altro, grande WeBinar targato Archeoclub d’Italia: “Normativa. Dalla carta di Catania alla gestione affidataria”, in diretta alle ore 18 sulla pagina Facebook di Archeoclub d’Italia.

Interverranno: Alberto Samonà, Assessore ai Beni Culturali della Regione Sicilia, Rosalba Panvini, già Soprintendente dei Beni Culturali di Catania ed oggi Comitato Tecnico Scientifico Nazionale di Archeoclub d’Italia, l’archeologa Elena Silvana Saponaro, Michele Martucci, consulente Soprintendenza di Caserta, Presidente Archeoclub d’Italia sede di Castelvolturno, Innocente Cataldi dell’Archeoclub d’Italia di Gravina di Puglia.

E’ possibile partecipare ai Press Tour inviando richiesta a ufficio.stampa@archeoclubitalia.org