Spazio Giovani: laboratori di educazione alimentare contro spreco

Spazio Giovani laboratorio di mozzarelle con l'assessore zedda e i ragazzi 2

Allo Spazio Giovani di Oristano sono in corso di svolgimento i laboratori di educazione alimentare per la conoscenza e diffusione di buone pratiche su alimentazione e salute.

Ieri, alla presenza dell’Assessore alla Politiche giovanili Maria Bonaria Zedda, si è tenuto il laboratorio sulla preparazione della mozzarella.

Una quindicina i ragazzi che hanno seguito passo per passo i preziosi insegnamenti del casaro Enrico “Chicco” Iriu e che dopo averne appreso i segreti si sono cimentati nel confezionamento delle mozzarelle.

Lo Spazio giovani è sempre molto attivo e molto bravo a proporre iniziative particolarmente apprezzate dai ragazzi oristanesi – osserva l’Assessore alle Politiche giovanili del Comune di Oristano Maria Bonaria Zedda -.

Per l’Assessorato è un importante strumento a disposizione per dare attuazione alle politiche per i giovani. L’attività assume un rilievo ancora più grande in questo periodo contrassegnato dall’emergenza sanitaria da Coronavirus.

advertisement

Le attività proposte nel corso degli anni, su temi ambientali, musicali, sportivi e sociali, sino a quelli sulla sostenibilità e l’educazione alimentare, confermano la bontà del lavoro dell’equipe dello Spazio giovani. Per il laboratorio di mozzarella dobbiamo ringraziare Chicco Iriu che si è messo a disposizione gratuitamente per trasmettere le sue conoscenze ai ragazzi”.

“I laboratori sull’educazione alimentare affrontano il tema della corretta alimentazione e della correlazione tra le materie prime, utilizzate per produrre gli alimenti, con la salute”

coordinatore del Centro Antonio Ricciu

Gli argomenti proposti variano in base al laboratorio, ma in generale dopo una panoramica generale sul concetto di sana alimentazione, si concentrano sugli aspetti organizzativi in cucina e sull’igiene, sui concetti di cibo biologico, integrale e a km zero.

La finalità dei laboratori è di acquisire soluzioni per contrastare il fenomeno degli sprechi alimentari, imparare a leggere le etichette degli alimenti, conoscere le regole igieniche indispensabili nelle preparazioni alimentari e apprendere gli aspetti organizzativi necessari in cucina”.

Tra i laboratori proposti quelli sulla produzione dell’olio d’oliva, sulla panificazione, sulla pizza, sulla realizzazione di cioccolatini con scorzette della frutta, sulle farine biologiche e integrali e varie tipologie di raffinazione, sulle ricette anti spreco e il cibo a Km 0 e sostenibile, sui dolci e prodotti da forno (crostate e torte) e infine quello sulla mozzarella. 

A breve saranno realizzati quelli su verdure e ortaggi in cucina e sul consumo e sulle proprietà benefiche della frutta.