La pietra magica della settimana: il granato

Il Granato, pietra semipreziosa appartenente alla famiglia dei silicati, si può presentare in una vasta gamma di colorazioni diverse ma con strutture simili tra loro i cui cristalli, se osservati al microscopio, appaiono più cubici che rotondi.

Il nome deriva dal latino “Granatus” (seme o grano) per la forma rotonda delle gemme grezze e perché ricorda i semi rossi della melograna; ai tempi di Plinio il Vecchio veniva chiamato “Carbonchio”.

Le colorazioni dipendono dalla composizione chimica e quelle più facili da trovare sono: viola, verde, giallo, cioccolato, arancione e rosso, ma alcuni esemplari di granato trovati nei giacimenti del Madagascar sarebbero in grado di cambiare colore alla luce di una candela.

advertisement
cristalli di granato
Cristalli di granato.

La varietà più conosciuta è quella rossa o rossastra (Granato Mozambico, Rodolite), protagonista di diversi racconti antichi. Nella mitologia greca viene menzionato nell’episodio del ratto di Persefone nell’Ade, mentre nella tradizione ebraica e musulmana è continuamente elogiata la sua bellezza, infatti viene spesso lavorato e tagliato come gemma preziosa.

I Vichinghi usavano gioielli con i Granati durante i funerali per illuminare ai defunti il percorso verso Walhalla, mentre i Crociati decoravano le loro armature con questa gemma per avere più coraggio in battaglia. Ma è nel XVIII e nel XIX secolo che il Granato fu particolarmente amato e richiesto, soprattutto il Granato di Boemia.

Formula benessere della settimana

Prima di utilizzare il Granato come pietra salutare, andrebbe purificata: lavatela con acqua distillata ed esponetela ai raggi solari.

Dai litoterapeuti le vengono attribuite diverse proprietà: fortifica il cuore, regolarizza la circolazione sanguigna, cura le ferite, soprattutto le piaghe in quanto ne fermerebbe il sanguinamento se applicata sopra; inoltre depura l’organismo dalle tossine e rallenta l’invecchiamento.

Viene utilizzata come pietra da meditazione ed è simbolo di perseveranza e di rettitudine, aiuta il rilassamento, stimola a esternare la sincerità dei sentimenti e protegge dai pericoli nascosti.

Aneddoto magico

Durante il Medioevo, il Granato rosso fuoco veniva chiamato “Carbone ardente” e gli si attribuiva la capacità di trasmettere energia, volontà, gioia e di attirare l’amore, oltre che di rafforzare la fede e la perseveranza e di scacciare tristezza e malinconia.

I Greci erano sicuri che permettesse loro di vedere di notte, con il buio, come di giorno. Per i nativi americani, invece, il Granato aveva il potere di aprire le porte dell’invisibile.

Alessandra Leo