Capone (UGL): Recovery Plan, investire su infrastrutture, sanità e scuola

Paolo Capone Segretario Generale UGL

Paolo Capone, Leader UGL, su Recovery Plan: “Necessario investire su infrastrutture, sanità e scuola per rilanciare l’occupazione”

 
“I costi umani, economici e sociali elevatissimi che il Paese sta sostenendo a causa della pandemia impongono risposte certe e misure senza precedenti.”
In tal senso è importante che si formi quanto prima un Governo forte e coeso in grado di affrontare le numerose sfide ancora aperte, a cominciare dalla necessità di salvaguardare la tenuta sociale prorogando il divieto dei licenziamenti.
Fra le questioni che il Presidente incaricato Draghi dovrà risolvere, vi è senza dubbio l’inadeguatezza del Piano Nazionale di ripresa e resilienza, che ci auguriamo venga quanto prima rivisto e implementato destinando la maggior parte delle risorse agli investimenti in settori ad alto moltiplicatore del Pil quali le infrastrutture, la sanità e la scuola.

Interventi indispensabili per favorire una crescita stabile e rilanciare il Mezzogiorno sanando, al contempo, lo storico divario Nord-Sud.

Occorre inoltre riformare l’attuale sistema di welfare incentrato sui sussidi, facilitando l’incontro fra domanda e offerta di impiego all’interno di un mercato del lavoro più dinamico e attrattivo. In tal senso sarebbe profondamente sbagliato cancellare una misura come Quota 100 che ha garantito il turnover assicurando maggiore flessibilità in uscita e lasciando ai lavoratori la libertà di scegliere se e quando andare in pensione.”
Lo ha dichiarato Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL, in merito alle misure necessarie per favorire la ripresa economica e rilanciare l’occupazione.