USB e Camera Noa, protesta a Cagliari

USB

Questa mattina Martedì  12 Gennaio 2021 alle ore 10,30 a Cagliari DAVANTI Alla Stazione Ferrovie dello Stato in Via Sassari è stato effettuato un presidio da parte di USB Federazione del Sociale, Rete Iside e Caminera Noa per protestare contro la scandalosa sentenza della Corte di Cassazione riguardante la strage di Viareggio, per chiedere l’introduzione nel c.p. l’introduzione di omicidio sul lavoro ed un sistema ferroviario civile per la Sardegna.

Gli infortuni mortali sul lavoro non tendono a diminuire, i controlli son sempre di meno e agli organismi di sorveglianza tolgono i mezzi adeguati. Le leggi sono inadeguate a contrastare tale  massacro come quello del 29 Giugno del 2009 a Viareggio, ed è proprio da quella data che i familiari delle vittime della strage dei loro congiunti aspettano giustizia. Invano, perché la quarta sezione della Corte di Cassazione ha riservato loro una triste doccia fredda: le condanne a Moretti e soci della Corte d’Appello di Firenze non valgono, dovrà esserci un nuovo processo. Durante il presidio si è distribuito il volantino sotto riportato:

UNA SENTENZA SCANDALOSA, introdurre subito il reato di omicidio sul lavoro per un sistema ferroviario sardo civile  

advertisement

Se 32 morti vi sembran pochi!

Se vi sembrano pochi aggiungete a queste vittime lo strazio dei familiari e le decine di feriti.

Incredibile a dirsi, ai familiari delle vittime della strage ferroviaria di Viareggio che il  29 giugno 2009  costò la vita a 32 persone la Corte di Cassazione ha regalato una doccia fredda: le condanne a Moretti e soci della Corte d’Appello di Firenze non valgono, dovrà esserci un nuovo processo, Non però per il reato di omicidio colposo, (chissenefrega se sono morte 32 persone), ma per l’accusa di disastro ferroviario colposo. In buona sostanza la Cassazione ha stabilito che la strage di Viareggio equivale al deragliamento senza vittime della scorsa estate a Carnate, per il quale è stata mossa la stessa imputazione.

Tutto ciò accade perché i giudici, hanno stabilito che a Viareggio non c’è stata la violazione delle norme sulla sicurezza nel lavoro, che aveva fatto scattare in prima e seconda  istanza per Moretti e soci la condanna per omicidio colposo.

Eppure esistono numerosi studi e testimonianze documentate di come nel sistema ferroviario italiano, soprattutto dopo le privatizzazioni, si privilegino i profitti e non la sicurezza dei lavoratori e degli utenti.

La scandalosa sentenza della Cassazione è l’ennesima dimostrazione che le norme vigenti non sono sufficienti: tutelano aziende e capitale ma non la vita e l’integrità fisica e morale dei lavoratori. Occorrono leggi stringenti, strumenti concreti come l’introduzione del reato di omicidio sul lavoro. Servono nuove leggi e normative che possano mettere di fronte alle proprie responsabilità proprietari e manager.

Una legge che attesti Le responsabilità degli imprenditori e delle grandi ditte. Le grandi ditte non possono continuare a fare profitti e fregarsene della sicurezza e dei  diritti dei lavoratori  , mentre chi lavora piange ogni giorno nuovi morti. In un contesto in cui diminuiscono le tutele del lavoro, in cui la sicurezza e la vita valgono poco più di zero, siamo convinti che l’introduzione del reato di omicidio sul lavoro possa rendere giustizia alle troppe vittime e porre un freno a questa continua strage sui luoghi di lavoro. USB e Caminera Noa rilanceranno, con rinnovata determinazione, la battaglia per una legge sull’omicidio sul lavoro e per un sistema ferroviario sardo degno di questo nome.

Se, poi, guardiamo lo stato delle ferrovie sarde la scena diventa ancora più drammatica e penosa.

Abbiamo un sistema ferroviario ottocentesco e una rete non sviluppata e insicura. Questo incide pesantemente sullo spopolamento, isolamento e sviluppo economico della Sardegna. I super manager delle FS ovviamente non hanno alcun interesse a spendere per implementare il sistema ferroviario sardo che, da Oristano in su, non è idoneo all’alta velocità  e mentre a Roma si parla di alta velocità  in Sardegna non abbiamo neanche il doppio binario, la verità amarissima è che nell’isola si continua a viaggiare in treno come 40 anni fa con tempi di percorrenza inaccettabili e nei pochi treni di ultima generazione ci piove dentro.

Al punto che mentre da una parte la Sardegna si candida a diventare laboratorio green per la sperimentazione dei treni a idrogeno (con il patto Snam-Alstom), chi per lavoro o altre ragioni viaggia da Sassari a Cagliari descrive un’esperienza “forte” a bordo degli attuali treni: il viaggio è interminabile, i ritardi sono frequenti e le cancellazioni pure.

Una situazione catastrofica ed inaccettabile, che USB e Caminera Noa combatteranno convinti come sono che i diritti e la sicurezza dei lavoratori vadano di pari passo con la sicurezza dei viaggiatori. Perciò chiediamo l’introduzione nel codice penale del reato per omicidio sul lavoro.