Polizia di Stato - arrestati due algerini

ARTICOLO DI ROSY MASSA DELLA REDAZIONE DI ORISTANO

 Ieri mattina, una pattuglia della Polizia Stradale di Oristano in servizio sulla strada statale 292, che da Oristano porta a Bosa, mentre transitavano in prossimità del ponte sul Rio “Mare Foghe”, all’altezza del km 118.300, nel territorio di Riola Sardo, notavano un’auto ferma al centro del ponte, sul margine destro della carreggiata nella corsia opposta di marcia. Gli agenti, immediatamente scesi dall’auto di servizio, gli agenti constatavano la presenza di una donna che a piedi, spostandosi da una parte all’altra della strada, si muoveva barcollando sulla carreggiata. Alla vista della pattuglia, la donna ha scavalcato il guard-raill, dicendo agli agenti che doveva recuperare degli oggetti che aveva perso nella campagna circostante.

       Insospettiti dallo strano comportamento, i poliziotti hanno capito che in realtà la donna era scesa dall’auto per dirigersi verso il canale sottostante, per poi gettarsi in acqua.

advertisement

       Immediatamente uno degli agenti, via radio dava l’allarme alla sala operativa della questura di Oristano, chiedendo l’invio di un’autoambulanza, l’ausilio di un’altra pattuglia della Polizia Stradale e di una volante.

      Tenendosi a stento a galla, la donna continuava ad agitarsi nel tentativo di poter raggiungere di nuovo la riva del fiume, largo in quel punto circa 60 metri e in evidente stato di difficoltà, spariva più volte sott’acqua, urlando agli agenti di aiutarla.

       Immediatamente gli agenti si sono gettati in acqua e a nuoto hanno raggiunto la donna, sono riusciti a raggiungerla e nonostante lei abbia più volte tentato di colpirli al volto, col rischio di farli annegare insieme a lei, sono riusciti ad immobilizzarla e a trascinarla a riva, nonostante lei cercasse di liberarsi dalla loro presa. Nonostante le resistenze della donna gli agenti sono riusciti a portarla in salvo a riva.

Successivamente, hanno recuperato la borsa della donna e grazie ai documenti che vi erano contenuti, è stato possibile identificarla.

     Con l’arrivo degli operatori del 118 sono state iniziate le prime operazioni di soccorso medico per poi procedere al trasporto in ospedale, scortati da una Volante della Questura di Oristano e da un’altra pattuglia della Polizia Stradale.

      L’intervento dei due agenti, si rivelava provvidenziale per evitare che la donna potesse morire annegata.

Rosy Massa