In diretta ora il patrimonio archeologico di Noto

In diretta ora il patrimonio archeologico di Noto.

Sisto (Acheologa) : “La Necropoli di Noto, in Sicilia, è estremamente interessante anche grazie al rinvenimento di ceramiche, fuseruole, anelli, fibule risalenti al IX VIII secolo a.C.”.

 

advertisement

Falesi, (archeologa e Presidente della sede netina di Archeoclub d’Italia) : “La diretta di oggi vede in campo grandi esperti dell’archeologia italiana. Annullata invece, la passeggiata drammatizzata che era stata programmata per domani in diretta Facebook dalla Necropoli di Noto. Domani infatti la Sicilia sarà zona rossa con divieto di spostamenti anche individuali”.

 

Santanastasio (Presidente Nazionale Archeoclub d’Italia): “Per la prima volta l’archeologia va in diretta nelle case di tutti, attraverso una piattaforma social. E’ una grande novità! In questo momento comunicare, informare, far conoscere e narrare è ancora più importante per il rilancio e l’affermazione dell’Italia nel mondo. Come Archeoclub d’Italia apriremo ancora nuove sedi”.

 

 

“La Necropoli di Noto, in Sicilia, è estremamente interessante anche grazie al rinvenimento di ceramiche, fuseruole, anelli, fibule risalenti al IX VIII secolo a.C. e dunque parliamo di reperti che risalgono quasi a 3000 anni fa”. Lo ha dichiarato ora, Eleonora Sisto, archeologo della preistorica, intervenendo al WeBinar in corso ed in diretta sulla pagina Facebook Archeoclub d’Italia Archeoclub Italia | Facebook per  l’Ottava  edizione di “Nella Ferita la Cura – 11 gennaio 1693”, evento ideato ed organizzato dalla sezione netina di Archeoclub d’Italia,  in memoria del terremoto che nel 1693 rase al suolo 45 centri della Valle di Noto, in Sicilia.

 

“L’evento si inserisce come fuori programma nel calendario nazionale dell’Archeoclub d’Italia del Primo Ciclo di Webinar “I Venerdì dell’Archeoclub d’Italia” in occasione del Cinquantesimo dalla nascita di Archeoclub d’Italia. Domani Domenica 17 Gennaio alle ore 10 e 30, questa volta con diretta sulla pagina Facebook del Comune di Noto, avremo la grande opportunità di partecipare ad una bellissima passeggiata virtuale nella Noto Antica. Archeoclub d’Italia dunque scende in campo ovunque per promuovere in modo forte l’Italia. Per la prima volta in assoluto portiamo l’archeologia in diretta dal Paese sulle piattaforme social. E’ una grande novità – ha dichiarato Rosario Santanastasio, Presidente Nazionale di Archeoclub d’Italia – perché abbiamo programmato ben 22 dirette, tutti i Venerdì, per fare entrare i siti archeologici italiani nelle case di tutti e parlare al Mondo. Lo vogliamo fare grazie alla stampa nazionale ed estera e attraverso le piattaforme social. Stiamo facendo e riscrivendo la storia perché per la prima volta l’archeologia, con i grandi protagonisti ed esperti è in diretta dai luoghi protagonisti di studi ed approfondimenti. Per questa impresa abbiamo messo insieme ricercatori ed istituzioni, dunque saranno i ricercatori a parlare la gente. Nell’ambito del cinquantesimo anniversario dalla nascita dell’Associazione riconosciuta dal Ministero dei Beni Culturali. Avremo un ciclo con ben 22 appuntamenti dedicati alle attività culturali nazionali. Più di 30 tra architetti, archeologi geologi, restauratori e professionisti attivi nel campo del turismo culturale, riusciranno a parlarci e mostrarci i vari campi in cui Archeoclub d’Italia opera da 50 anni: Archeologia – Storia – Architettura – Ingegneria Naturalistica – Arte – Protezione Civile, Geologia.  L’Archeoclub d’Italia cresce con le nuove sedi di Matera, Castelvolturno ed Ercolano ma ne apriremo ancora delle altre sul territorio italiano”.

 

 

Ora in diretta sulla pagina Facebook Archeoclub d’Italia Archeoclub Italia | Facebook

 

 

“In diretta dunque la video – conferenza sulla preistoria e sulla protostoria a Noto Antica e nella Sicilia Orientale e stiamo descrivendo, raccontando, ma anche facendo vedere con video e foto, il sito straordinario di Noto antica ed i reperti. Dopo l’introduzione del Presidente nazionale dell’Archeoclub Rosario Santanastasio – ha dichiarato Laura Falesi, archeologa e Presidente della sede netina di Archeoclub d’Italia  gli interventi dell’assessore alla Cultura del Comune di Noto, Giusi Solerte, e dell’archeologa preistorica Eleonora Listo con “Una panoramica sulla necropoli protostorica del Monte Alveria”, in questo momento il direttore del Parco Archeologico di Leontinoi,  Lorenzo Guzzardi si sta soffermando sulle “Tracce di insediamenti preistorici e protostorici sul Monte Alveria”. A breve avremo l’intervento del Direttore del CNR di Catania e docente dell’Università di Palermo prof. Massimo Cultraro su “I Siculi: documentazione archeologica e prospettive di ricerca”. Emilio Galvagno, docente di Storia Greca dell’Università di Catania prof. Emilio Galvagno parlerà di “I Siculi e l’enigma Ducezio”. In chiusura avremo il sindaco della città di Noto, Corrado Bonfanti”. 

 

Annullata la passeggiata che gli archeologi avrebbero fatto domani in diretta social  dalla Necropoli dell’Età del Ferro. Domani la Sicilia sarà zona rossa.

 

“Avevamo programmato di andare solo noi archeologi domani alla Necropoli dell’Età del Ferro e trasmettere la passeggiata in diretta sulla piattaforma Facebook, pagina del Comune di Noto. Domani però la Sicilia sarà zona rossa e dunque c’è il divieto assoluto di spostamenti anche individuali. Per questo motivo la passeggiata drammatizzata, in quanto sarebbe stata in assoluta solitudine, non si potrà tenere”.