Salute mentale, a Guasila il Festival Macchiori

Salute mentale, al via domani a Guasila fino al 31 dicembre il Festival Macchiori per abbattere il muro di solitudine e isolamento

Il tema è tra i più seri che si possano trattare, la salute mentale. Il nome scelto per il Festival, nato nel 2011 nel Campidano è “Macchiori”, che in italiano può essere tradotto con “follia”. Ma “Macchiori” è spesso utilizzato con un’accezione ironica.

Ed è questo l’obiettivo dell’iniziativa: mettere al centro la persona, utilizzando ogni strumento utile affinché sia garantito il benessere e l’inclusione sociale, con azioni serie, ma sempre con il sorriso e la giusta dose di gioco e interazione.

Cos’è il Festival Macchiori. Un progetto dedicato alla sensibilizzazione delle persone sul tema della salute mentale, che si è prefissato l’obiettivo di sollecitare riflessioni e moltiplicare le occasioni di aggregazione e inclusione nelle quali la comunità si unisce nella valorizzazione delle persone con disagio psichico. “Uno dei messaggi più importanti che si vuole diffondere attraverso Macchiori – ha detto la sindaca di Guasila, Paola Casula – è che la cura delle persone con disturbo psichiatrico non può essere delegata soltanto ad azioni ambulatoriali o ospedaliere, per quanto importanti, ma ci deve essere il coinvolgimento della famiglia e di tutta la comunità, perché si crei un vero percorso di salute e inclusione in ogni ambito della vita quotidiana”.

advertisement

Servizi, Comunità, Diritti e Libertà. “In un momento così difficile, con una pandemia in corso, l’edizione 2020 di Macchiori sarà certamente diversa e non ci sarà la possibilità di svolgere tutti gli eventi in presenza – ha detto l’assessora all’Inclusione Sociale Consuelo Palmas – ma allo stesso modo credo sarà ancora più significativa nell’esprimere la volontà di creare spazi per discutere delle criticità, e ancora di politiche adeguate sul tema della salute mentale. Avere un’opportunità per raccontarsi e condividere esperienze, soprattutto in quest’anno così difficile è davvero molto importante”.

“E’ dunque in un momento di grande criticità per tutti che il Comune di Guasila, come Amministrazione e con il sostegno di tutta la comunità – ha proseguito l’assessora – ha ritenuto opportuno promuovere questo progetto culturale e sociale. Macchiori ha coinvolto per la prima volta l’Amministrazione comunale lo scorso anno, con la partecipazione di 300 persone e questa è stata una vera piccola grande rivoluzione”.

La manifestazione. Organizzata in collaborazione con l’associazione odv Libera-mente e in sinergia con l’Associazione Sarda per l’Attuazione della Riforma Pischiatrica (ASARP) Unione Nazionale delle Associazioni per la Salute Mentale e l’associazione Andalas de Amistade. Macchiori vuole stimolare le istituzioni, le associazioni sportive e di volontariato del territorio promuovendo azioni, forme innovative, buone pratiche, dialoghi interistituzionali come prevenzione e contrasto allo stigma e al disagio psichico sociale.     “La vera sfida di questo festival è promuovere il ruolo della comunità come luogo e percorso di cura per le persone che vivono una condizione di sofferenza insieme ai servizi territoriali e le associazioni – ha concluso l’assessora Palmas – per promuovere processi inclusivi”. Il festival verrà realizzato grazie al finanziamento della Regione Sardegna e un cofinanziamento del Comune di Guasila.

Il programma. Il calendario delle iniziative di Macchiori si svilupperà dalla giornata del 17 a quella del 31 dicembre, con il costante coinvolgimento di associazionicentri di salute mentale e della comunità guasilese, sempre nelle modalità consentite dalla normativa AntiCovid e quindi in videoconferenza e senza presenza di pubblico.

Il Festival sarà realizzato in collaborazione con l’Associazione di volontariato LIBERA-MENTE, la direzione artistica di Bruno Venturi, regista teatrale. Sono previsti seminaritestimonianzepresentazioni di libri sul tema, proiezione di filmati e realizzazione di arti pittoriche e rappresentazioni teatrali.

Inaugurazione. Si parte giovedì 17 dicembre alle ore 9.30 con il seminario:

La cura della salute mentale: servizi, comunità, diritti e libertà, con il coordinamento di  Gisella Trincas, Presidente dell’Unione Nazionale delle Associazioni per la Salute Mentale, A.S.A.R.P. Interverranno:

Fabrizio Starace, direttore del dipartimento di Salute Mentale di Modena – componente nel comitato esperti del Consiglio dei Ministri. Presidente dell’associazione italiana di epidemiologia psichiatrica e componente del Consiglio Superiore della Sanità. Ideatore e promotore di Mat, settimana della salute mentale a Modena.

Gisella Trincas, Presidente dell’associazione ASARP – Associazione sarda per l’attuazione della riforma e Presidente nazionale U.N.A.S.A.M odv.

Giampiero Griffo, coordinatore del comitato scientifico dell’osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità. Componente del consiglio mondiale di DPI (Disabled Peoples’ International) e della task force del governo per l’emergenza Covid.

Emiliano Deiana, Presidente ANCI Regione Sardegna.

Paola Casula, sindaca di Guasila e presidentessa dell’Unione dei Comuni della Trexenta. 

Venerdì 18 dicembre. Presentazione libri con i ragazzi e le scuole. 

Ore 10, Presentazione del libro “Quando mamma o papà hanno qualcosa che non va“, di Stefania Buoni – Presidente associazione COMIP – incontro dedicato alle classi terze e quarte dell’Istituto di Istruzione Superiore ‘Luigi Einaudi’, di Senorbì -indirizzo socio-sanitario. Dialoga con l’autrice Alessandro Montisci – Direttore del Centro di Salute Mentale di Sanluri. Presidente associazione Culturalmente.

Alle ore 17,30 l’Associazione Aurora  Basket presenta il libro “Sfide senza limiti – storie di sportivi veramente speciali” da un’idea di Marina Pisano e a cura di Luigi Alfonso. Interverranno Sara Vargetto, Igor Maccera, Giorgio Cabiddu, Sabrina Papa e Cristina Sanna, dialogherà con loro Marisa Deiana – Radio Onde Corte, Ogliastra.

Sabato 19 dicembre. Luigi Dal Cin dialoga coi bambini, ore 9. “La disabilità raccontata ai più piccoli” – evento dedicato alle classi quarte e quinte dell’Istituto Comprensivo di Guasila. Alle ore 11 Bruno Venturi e Sabrina Mereu raccontano ai ragazzi delle Terze Medie dell’Istituto Comprensivo di Guasila: “Antonia, una storia di esclusione” (da La chimera di Sebastiano Vassalli).

Domenica 20 dicembre, ore 18.30.  Le Compagnie del Cocomero presentano ‘La fantasmagorica historia del principe Ragno’, spettacolo di burattini in streaming, dal Montegranatico.

Lunedì 21 dicembre. Alle ore 9.30 Elisa Mazzoli racconta il suo NOI, illustrato da Sonia MariaLuce Possentini, evento dedicato alle classi Seconde/Terze o Terze/Quarte della Scuola Primaria di Guasila (videoconferenza). Dalle ore 15 invece, Cristina Petit racconta i suoi libri Il potere delle parole e due alberi, evento dedicato alle classi prime e seconde della scuola primaria di Guasila.

Martedì 22 dicembre. Alle ore 17 ‘Andalas de Amistade’ presenta il libro “Non ci scusiamo per il disturbo“. Dal Montegranatico del comune di Guasila: Mondo Animato presenta “Afisieddu e Dubaku, due amici per la pelle”, spettacolo di burattini in streaming. 

Venerdì 25 dicembre. Sa die de Paschixedda, pranzo solidale (a cura delle Associazioni e dei Ristoratori locali).

Domenica 27 dicembre, ore 9.  Matti da slegare, docu-film di Silvano Agosti, Marco Bellocchio, Petraglia, Rulli, e dalle ore 17,30 Montegranatico: Mondo Animato presenta ‘Evviva i diritti dei bambini’, spettacolo di burattini in streaming,

Lunedì 28 dicembre, ore 9. Proiezioni Cortometraggi sul tema : Io mi prendo cura di te, di noi (proiezione in streaming).

Martedì 29 dicembre, ore 9. Proiezione di filmati e testimonianze – il programma sarà dettagliato nei prossimi giorni.

Mercoledì 30 dicembre, ore 9. Proiezioni di filmati e testimonianze – il programma sarà dettagliato nei prossimi giorni.

Giovedì 31 dicembre, ore 17.  Is mascareddas presenta ‘Areste Paganos e i giganti’, spettacolo di burattini in streaming. 

Tutte le informazioni, il programma completo, i link per la partecipazione alle conferenze e le dirette streaming sono reperibili sulla pagina facebook Macchiori (e sul canale youtube del festival), che sarà costantemente aggiornata con maggiori informazioni ed eventuali variazioni di orari. 

(https://www.facebook.com/Macchiori)