S. M. Coghinas. Armi e droga nell’azienda agricola

Tutela delle vittime vulnerabili
Tutela dei beni culturali: un dovere comune

Tutto nasce da un controllo che i Carabinieri della Compagnia di Valledoria hanno fatto nella sua azienda di Santa Maria Coghinas la settimana scorsa, quando sono stati rinvenuti in un terreno nella sua disponibilità un frangizolle ed un trattore rubati tempo prima ad Olmedo da ignoti malfattori.
Quel giorno M. S., un 51enne noto alle forze dell’ordine, è stato denunciato in stato di libertà per ricettazione perché non ha saputo giustificare la presenza della refurtiva nella sua proprietà.

Sin da subito, però, qualcosa nell’atteggiamente dell’uomo non tornava e gli inquirenti hanno immediatamente sospettato che all’interno della grossa azienda potesse esserci occultato qualcos’altro di illecito.
Dopo diversi servizi di osservazione, controllo e pedinamento svolgo nei giorni successivi, pertanto, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Stazione di Valledoria, coadiuvati dai colleghi dello Squadrone eliportato “Cacciatori di Sardegna” e da una squadra di cinofili sono passati all’azione con un vasto spiegamento di forze.

Nella disponibilità di M. S., parte nascosti in sacchi normalmente usati per conservare il mangime e parte occultati all’interno dell’auto dell’uomo, i Carabinieri hanno trovato, tra marijuana e cocaina, due kg e mezzo di stupefacente.
I guai di M. S., però non sono finiti qui perché i Carabinieri hanno trovato, ben nascosto tra le assi di un tavolo, un fucile illegalmente detenuto ed il relativo munizionamento.
M. S. è stato quindi immediatamente arrestato e, dopo alcuni giorni, agli arresti domiciliari, nella mattinata odierna il giudice per lui ha disposto l’obbligo di firma e quello di dimora nel Comune di Santa Maria Coghinas.

advertisement