Il Cagliari esce sconfitto dalla sfida contro l’Inter per 3-1, dopo esser passati in vantaggio con la rete di Sottil pochi minuti prima della fine dell’intervallo.

Una partita in cui i rossoblù stavano facendo vedere il loro gioco in casa, ma alla fine arriva la rimonta fatale. Questa volta non sono gli uomini di Di Francesco a recuperare lo svantaggio, bensì quelli di Antonio Conte. Nell’intervista post gara Rog sottolinea la mancanza di esperienza in queste situazioni.

“Purtroppo non è la prima volta che veniamo rimontati, abbiamo sofferto una grande squadra come l’Inter e ci può stare, dobbiamo maturare anche a livello di mentalità”.

advertisement

Certo, bisogna sottolineare che il gruppo è molto giovane e il croato è uno dei più maturi, di conseguenza ci possono stare delle disattenzioni.

“Il nostro è un progetto giovane, quest’anno per la prima volta sono uno dei più esperti della rosa, anche oggi avevamo in campo tanti giovani e per questo bisogna crescere insieme grazie ai dettami di un mister preparato come Di Francesco”.

La cosa che dispiace di più? Esser rimasti in vantaggio fino a quindici minuti dal termine.

“Dispiace perché potevamo portare a casa un risultato importante e di prestigio. Serviva più concentrazione, in particolare sulle palle inattive. Avevamo la gara in mano fino a un quarto d’ora dalla fine, di fronte c’era però un avversario forte che non molla mai e sugli episodi e i calci piazzati non siamo riusciti a resistere”, ha concluso il croato.