Fondazione Maria Carta: presentazione “Boghes e sonos – 60 anni di musica sarda 1960-2020″ di Giacomo Serreli

Boghes e sonos

Domenica 20 dicembre con il quotidiano La Nuova Sardegna sarà distribuito il primo volume di “Boghes e sonos – 60 anni di musica sarda 1960 – 2020”, l’opera realizzata da Giacomo Serreli, edita dalla Fondazione Maria Carta, che, in 1750 schede analitiche, ripercorre l’evoluzione della scena musicale isolana degli ultimi sessant’anni.

Si sviluppa su tre corposi volumi e le successive uscite sono programmate per il 27 dicembre e il 3 gennaio 2021.
L’iniziativa editoriale sarà presentata con un evento ospitato al Teatro Verdi di Sassari venerdì 18 dicembre.

Interverranno alcuni artisti che sono stati protagonisti dagli anni Sessanta ai giorni nostri della musica sarda (Bertas, Tore Fazzi dei Collage con Maria Giovanna Cherchi, Tazenda, Cordas et Cannas, Cuncordu e Tenore de Orosei, Fantafolk, Beppe Dettori con Raoul Moretti, Quilo Sa Razza, Francesco Piu) e di altri saranno proposti filmati e contributi video.

La serata sarà condotta da Ottavio Nieddu e verrà trasmessa in diretta televisiva a partire dalle 21 dalle emittenti Isola TV di Sassari, che curerà le riprese, visibile nel Nord Sardegna al canale 214 del digitale terrestre, e Tele Sardegna di Nuoro, visibile a livello regionale sul canale 14 e proposta sui siti web e profili facebook de La Nuova Sardegna, Comune di Bitti e Fondazione Maria Carta.

advertisement

Nel pieno rispetto delle norme anti covid stabilite dal Governo, non sarà consentito al pubblico l’accesso a teatro.

In questa occasione sarà rilanciata anche la campagna di raccolta fondi a favore della comunità di Bitti così duramente colpita dall’alluvione che a fine novembre ha investito il paese che, anche in ambito musicale, ha espresso importanti artisti e gruppi la cui storia è documentata all’interno di “Boghes e sonos”.

Le donazioni potranno essere effettuate utilizzando il seguente IBAN:
IT 84N 01015 85250 000 0000 11498
Intestatario: Comune di Bitti
Causale: Alluvione 2020