Domani il Cagliari affronterà l’Inter nella sfida dell’ora di pranzo alla Sardegna Arena. Un match nel quale la squadra di Antonio Conte arriverà funesta a seguito dell’eliminazione dalla Champions League e Europa League (essendo arrivata quarta nel girone).

I rossoblù in questa settimana, però, hanno ritrovato delle figure importanti, perse a causa del Covid-19: Simeone e Nandez. Nella conferenza stampa pre-gara Di Francesco sottolinea quanti giocatori ha ritrovato negli scorsi giorni.

“A Gaston manca un po’ di condizione rispetto a Nahitan, anche per via dell’infortunio d’inizio stagione – dice il mister abruzzese – Giovanni sta con noi da diversi giorni, mi ha fatto una buona impressione. Ho recuperato anche Klavan, Pisacane e Ceppitelli, anche se ha pochi allenamenti con la squadra”.

advertisement

Dall’altra parte del campo ci saranno i nerazzurri che di sicuro vorranno riscattarsi a seguito  della disfatta in Champions League.

“L’Inter ha una rosa impressionante, dobbiamo lavorare di squadra e stare compatti. Sotto questo aspetto le mie sensazioni sono positive. Non sarà facile, ma penso che il Cagliar abbia tutte le carte in regola per mettere in difficoltà l’Inter, al di là di chi scenderà in campo. Sono partite che tutti vorrebbero giocare, mi dispiace davvero molto per l’assenza dei tifosi: il pubblico ci avrebbe dato una grossa mano, poteva realmente rappresentare il dodicesimo uomo in campo”.

Il Cagliari in questo inizio di campionato è risultata tante volte poco attenta nelle prime fasi della gara, subendo spesso gol nei primi venti minuti di gioco.

“Credo che in alcune fasi del match l’Inter terrà il pallino del gioco, in altre l’avremo noi; in certi frangenti dovremo essere aggressivi, in altri meno. Dovremo saper leggere bene la partita e approcciare meglio, abbiamo lavorato per migliorare anche questi aspetti.”