“Nave Stellare Aurora” il nuovo romanzo di Rita Carla Francesca Monticelli

Nave Stellare Aurora

“Nave Stellare Aurora” il nuovo romanzo di Rita Carla Francesca Monticelli

In viaggio verso Alfa Centauri

Il viaggio talvolta è più importante della destinazione, ed è proprio il timore associato all’imminente esaudirsi dei loro desideri che muove i protagonisti di “Nave stellare Aurora”, il romanzo conclusivo della saga fantascientifica iniziata nel 2012 con la serie marziana di “Deserto rosso”.

 Ritornano le vicende del ciclo dell’Aurora con “Nave stellare Aurora”, il nuovo romanzo di Rita Carla Francesca Monticelli in uscita il 30 novembre 2020. Si tratta della quinta e ultima parte del ciclo e che va a riunire i fili di tutti i volumi precedenti. Il libro è disponibile nei principali retailer online in formato ebook a 3,99 euro (in promozione a 2,99 euro fino al 3 dicembre) e in edizione cartacea a 15,99 euro.

In “Nave stellare Aurora” riprende la narrazione dell’incontro in Antartide di Anna e Hassan con Alicia e Gabriel. Presso la stazione di ricerca al polo sud, infatti, l’Agenzia Spaziale Internazionale (ISA) sta costruendo il modulo di comando di un’astronave destinata a portare a compimento il programma Aurora, realizzato insieme agli abitanti di Marte, con lo scopo di permettere all’umanità di esplorare un altro sistema stellare e nel contempo di consentire all’entità aliena che domina Melissa Diaz, la leader dei marziani, di tornare al proprio pianeta d’origine.

advertisement

Trentaquattro mesi, dopo i due moduli della nave stellare Aurora sono pronti al lancio, uno sulla Terra e l’altro sul lato lontano della Luna, nel Mare Ingenii. Porteranno con sé cento astronauti, equamente divisi tra l’equipaggio terrestre e i passeggeri

marziani, in un viaggio nello spazio interstellare fino al sistema di Alfa Centauri. A osservare da vicino le vicende dei protagonisti, che si svolgono tra la folla di solitudini che è la Londra del XXII secolo, in una base del nostro satellite naturale, teatro del precario rapporto tra l’ISA e l’Agenzia Nazionale Cinese per lo Spazio, e a bordo della nave stellare fino al giungere a un passo dalla loro misteriosa destinazione, c’è però l’intelligenza artificiale CUSy.

Creata da Melissa a immagine della stessa entità, questa negli anni si è evoluta ben oltre le intenzioni della sua creatrice, e a insaputa di quest’ultima, seminando discordia e morte. E adesso, dopo aver compreso di essere stata abbandonata, decide di prendere in mano il proprio destino ed eliminare l’ultimo ostacolo che le impedisce di confondersi tra gli esseri umani e di essere considerata viva.

Nave stellare Aurora” è un romanzo di fantascienza hard che coniuga elementi di scienza reale e speculazioni su un futuro dell’umanità influenzato dal punto di vista tecnologico dal contatto con un’antica entità aliena.

Allo stesso tempo segue il percorso psicologico dei suoi protagonisti, sia umani che non umani, che, con l’avvicinarsi alla realizzazione dei propri desideri, devono affrontare le paure per il futuro carico di incertezze che li attende, e si rendono conto che, alla fine, nella vita il viaggio potrebbe essere meglio della tanto agognata destinazione. L’unica soluzione è forse essere pronti a partire per quello successivo.

Sinossi

Sono passati quattro miliardi di anni. È tempo che l’esploratore torni a casa.

E che porti a compimento il proprio intento.

Tutto è pronto per il lancio della nave stellare Aurora, momento culminante del programma spaziale omonimo nato dalla collaborazione tra l’Agenzia Spaziale Internazionale e gli abitanti di Marte.

Comandata da Hassan Qabbani e Anna Persson, gli unici esseri umani del programma Isis tornati dal pianeta rosso, la prima missione interstellare umana si appresta a partire alla volta di Alfa Centauri, portando con sé cinquanta terrestri di equipaggio e cinquanta passeggeri marziani.

Tra questi ultimi c’è la leader Melissa Diaz, dominata dall’antica entità aliena originaria di quel sistema stellare e la cui tecnologia è responsabile degli enormi progressi dell’umanità negli ultimi decenni. I primi, invece, includono Gabriel e Alicia, che, avendo compreso il vero motivo della loro esistenza, sono venuti infine a patti con la propria natura e hanno deciso di abbracciarla.

C’è però qualcun altro che intende intraprendere questo viaggio, sebbene non sia stato invitato: l’intelligenza artificiale CUSy.

Dopo aver preso coscienza di sé, all’insaputa della sua stessa creatrice, Susy ha continuato a sperimentare ed evolversi, e adesso è rimasta un’unica cosa di cui ha bisogno per essere finalmente libera.

Un corpo.

Autrice

Nata a Carbonia nel 1974, Rita Carla Francesca Monticelli vive a Cagliari dal 1993, dove lavora come scrittrice, traduttrice letteraria e tecnico-scientifica.

Laureata in Scienze Biologiche nel 1998, in passato ha ricoperto il ruolo di ricercatrice, tutor e assistente della docente di Ecologia presso il Dipartimento di Biologia Animale ed Ecologia dell’Università degli Studi di Cagliari.

Da bambina ha scoperto la fantascienza e il suo interesse per la scienza si è sviluppato di pari passo, portandola, da una parte, a diventare biologa e, dall’altra, a seguire con curiosità l’esplorazione spaziale, in particolare quella del pianeta rosso. Ma soprattutto ama da sempre inventare storie, basate su questi interessi, e ha scoperto che scriverle è il modo più semplice per renderle reali.

Tra il 2012 e il 2013 ha pubblicato la serie di fantascienza Deserto rosso, composta di quattro libri disponibili sia separatamente che sotto forma di raccolta. Quest’ultimo volume è stato un bestseller Amazon e Kobo in Italia ed è tuttora uno dei libri di fantascienza più venduti in formato ebook.

Grazie alla pubblicazione della serie, nel 2014 è stata indicata da Wired Magazine Italia come una dei dieci migliori autori indipendenti italiani e ciò le è valso la partecipazione come relatrice al Salone Internazionale del Libro di Torino e alla Frankfurter Buchmesse nello stesso anno.

Deserto rosso è anche la prima parte di un ciclo di opere di fantascienza denominato Aurora, che comprende inoltre L’isola di Gaia (2014), Ophir. Codice vivente (2016) e Sirius. In caduta libera (2018).

Nave stellare Aurora, che va a concludere il ciclo, è il suo quindicesimo libro.

Oltre a quelli di questa serie, nel 2015 ha pubblicato un altro romanzo di fantascienza, intitolato Per caso.

La sua produzione include anche quattro thriller, vale a dire Affinità d’intenti (2015) e la trilogia del detective Eric Shaw: Il mentore (2014), che nella sua versione inglese edita da AmazonCrossing è stato nel 2015 primo in classifica nel Kindle Store negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Australia, raggiungendo oltre 170.000 lettori in tutto il mondo, Sindrome (2016) e Oltre il limite (2017).

Dal 2016 è docente del “Laboratorio di self-publishing nei sistemi multimediali”, nell’ambito dei corsi di laurea in Scienze della Comunicazione e in Scienze e Tecniche della Comunicazione presso l’Università degli Studi dell’Insubria (Varese), da cui è tratto il suo saggio “Self-publishing lab. Il mestiere dell’autoeditore” (2020).

I suoi libri sono stati recensiti o segnalati da altre testate nazionali quali Tom’s Hardware Italia, La Repubblica, Tiscali News e Global Science (rivista dell’Agenzia Spaziale Italiana).

Appassionata dell’universo di Star Wars, in particolare della trilogia classica, è conosciuta nel web italiano con il nickname Anakina e di tanto in tanto presta la sua voce e la sua penna al podcast e blog FantascientifiCast. È inoltre un membro dell’associazione internazionale Mars Initiative e dell’International Thriller Writers Organization.

Contatti

 Sito web: www.anakina.net

Il ciclo dell’Aurora: www.desertorosso.net Facebook: www.facebook.com/RitaCarlaFMonticelli Twitter: www.twitter.com/ladyanakina

E-mail: carla@anakina.net

Libro disponibile in brossura (ISBN 9798567306437) su Amazon e Giunti Al Punto e in ebook su Amazon, Giunti Al Punto e Google Play (ISBN 9781647644895), Kobo, Mondadori Store, LaFeltrinelli, Apple e Smashwords (ISBN 9781005120115), e 24Symbols (ISBN 9781393312550).