Mondo Eco, festival di letteratura sulla sostenibilità

mondo eco

Ancora un appuntamento per MONDO ECO, il primo festival di letteratura sulla sostenibilità ecologica, sociale e culturale firmato da Il crogiuolo. “In campo” domani, domenica 29 novembre, Francesco Abate, protagonista di un incontro che verrà trasmesso alle 17.30 in diretta Facebook sulla pagina de Il crogiuolo/Fucina Teatro (https://www.facebook.com/ilcrogiuolofucinateatro/live/) e in cross posting sulle pagine fb di Eja tv e sardegnaeventi24. Giornalista – cura le pagine culturali dell’Unione Sarda – e scrittore affermato, Abate presenterà la sua ultima fatica letteraria, I delitti della salina (2020), pubblicata, come di consueto, da Einaudi.

A dialogare con lui il giornalista Massimiliano Messina, la lettura dei brani tratti dal libro sarà affidata all’attrice Monica Serra. Parteciperà all’incontro Claudia Aresu, della Biblioteca Metropolitana “Emilio Lussu” di Cagliari (il Sistema Bibliotecario di Monte Claro è partner del festival).

Dopo una serie di romanzi ispirati ad alcuni aspetti reali della sua vita – il rapporto con la madre (il divertente, e insieme tenero e irriverente, caustico e malinconico, “Mia madre e altre catastrofi”), la malattia e il trapianto di fegato (prima il doloroso e toccante “Chiedo scusa”, poi il più “leggero” ma profondo “Torpedone trapiantati”, ovvero un inno alla vita, diventata, dopo la sofferenza, finalmente sostenibile, giusto per seguire il fil rouge di Mondo Eco) – con “I delitti della salina” Abate torna alla fiction in un romanzo ispirato da una Cagliari d’antan d’inizio Novecento e da una serie di luoghi e personaggi che prendono corpo richiamandosi alla realtà o traendo linfa dalla memoria storica dell’autore. Una intrigante giovane protagonista femminile, Clara Simon, entra nelle vicende del giallo dipinto da Abate.

advertisement

Vuole diventare la prima giornalista investigativa italiana, in tempi in cui di donne giornaliste era difficile trovarne. L’autore ricostruisce nel romanzo una città inedita, avvolta da un’atmosfera fatta di oscuri segreti e che cattura. Una Cagliari di inizio Novecento che Abate tratteggia meticolosamente, dalle saline di Molentargius al Teatro dell’Opera, dalla spiaggia del Poetto agli odori della Marina, all’Orto Botanico.

Si legge nelle note riassuntive: “Quando una delle sigaraie – le manifatturiere del tabacco – va a chiederle aiuto, Clara Simon non sa che fare. È una bella ragazza, con quegli occhi a mandorla ereditati dalla madre, una cinese del porto che, nonostante le differenze di classe, aveva sposato il capitano di marina Francesco Paolo Simon. Poi però è morta di parto e il marito è finito disperso in guerra. Cosí, Clara vive con il nonno, uno degli uomini piú in vista di Cagliari, e lavora all’«Unione», anche se non può firmare i pezzi: perché è una donna, e soprattutto perché in passato la sua tensione verso la giustizia e il suo bisogno di verità l’hanno messa nei guai.

Ma la sigaraia le spiega che i ‘picciocus de crobi’, i miserabili bambini del mercato, stanno scomparendo uno dopo l’altro e, di fronte alla notizia di un piccolo cadavere rinvenuto alla salina, Clara non riesce a soffocare il suo istinto investigativo. Grazie all’aiuto del fedele Ugo Fassberger, redattore al giornale e suo amico d’infanzia, e al tenente dei carabinieri Rodolfo Saporito, napoletano trasferito da poco in città e sensibile al suo fascino, questa ragazza determinata e pronta a difendere i piú deboli attraversa una Cagliari lontana da ogni stereotipo, per svelarne il cuore nero e scellerato”.