Tragica situazione nel canile di Venosa, in Basilicata

Canile di Venosa

Canile di Venosa: Lui è Bill e rappresenta le 170 anime delle quali si prendono cura quotidianamente i nostri volontari.

Legadelcane Venosa

nel canile comunale. 170 cani, molti dei quali anziani e malati, da oltre 3 mesi sono stati lasciati sulle spalle dei volontari che devono provvedere a tutto: cure, interventi veterinari, cibo e assistenza a proprie spese, con grandi sacrifici, ma ora sono allo stremo. Il

Comune di Venosa

preferisce non sentire e non vedere, nonostante i continui appelli al Sindaco e alla giunta comunale. Molto probabilmente per loro queste anime sono solo numeri, per noi no. A Venosa, tutti sanno, quanto è stato fatto dai volontari LNDC, che hanno operato in situazioni di emergenza, nel canile, sulla strada, soccorrendo cani investiti, abbandonati. Hanno donato una casa a centinaia e centinaia di animali grazie alla rete di solidarietà creata da anni con i volontari della

Sezione di Milano – Lega Nazionale per la Difesa del Cane

che si sono fatti carico anche loro di tantissimi animali venosini. Per anni i volontari LNDC di Venosa hanno provveduto, con pochi centesimi al giorno, a garantire alle anime ospiti del canile comunale di Venosa tutto ciò di cui avevano bisogno con tanti sacrifici personali ma il Comune di Venosa preferisce non vedere e non sentire. Preferisce fare tagli di spesa sulla pelle degli animali. I nostri volontari stanno lottando per poter continuare a proteggere 170 creature senza colpa.

Mostra meno