Coronavirus 21 settembre

Si rende noto che la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sassari ha emesso e inviato in notifica in data odierna un avviso di conclusione di indagini riguardante ipotesi di reato relative all’emergenza sanitaria da COVID-19, in particolare con riferimento ai numerosi decessi (11 persone) e ai contagi fra i pazienti e il personale sanitario avvenuti all’interno del Reparto Cardiologia dell’Ospeda1e Civile di Sassari.

Destinatari dell’avviso sono il Coordinatore dell’Unità di crisi dell’Area Socio Sanitaria di Sassari (rifiuto di atti d’ufficio; morte e lesioni da altro delitto; epidemia colposa), il Direttore Generale dell’AOU (contravvenzioni di norme a tutela della sicurezza dei lavoratori; omicidio colposo plurimo; epidemia colposa), il Direttore del Servizio Acquisizione Beni e Servizi dell’AOU di Sassari (omicidio colposo plurimo, epidemia colposa), il Direttore della Struttura Complessa Affari Generali (omicidio colposo plurimo, epidemia colposa), il Direttore sanitario della AOU (omicidio colposo plurimo, epidemia colposa) e il Commissario straordinario dell’ATS Sardegna (omicidio colposo plurimo, epidemia colposa), in carica all’epoca dei fatti.

L’indagine è stata condotta con il NAS Carabinieri di Sassari, con la collaborazione del servizio SPRESAL di Sassari.

advertisement

Si è ritenuto doveroso effettuare la presente comunicazione per l’evidente interesse pubblico della notizia e per scongiurare l’inevitabile diffondersi di notizie frammentarie e scorrette.

Si sottolinea che l’avviso di conclusione delle indagini non costituisce un’anticipazione delle decisioni del Pubblico Ministero sull’esercizio dell’azione penale. Si tratta infatti di una fase procedimentale in cui le persone indicate come indagate potranno chiedere di essere interrogate, produrre documentazione, chiedere specifici atti di indagine e comunque formulare le loro difese.

Si segnala infine che il presente procedimento costituisce allo stato solo una parte di una più vasta attività di indagine sulla medesima materia.

IL PROCURATORE DELLA REPUBBLICA