Éntula online: lunedì 19 ottobre “L’importanza di essere antifascisti”

Con Carlo Greppi, Francesco Filippi e Eric Gobetti

Essere antifascisti
Greppi, Filippi e Gobetti

 Ha ancora senso essere antifascisti? Perché il fascismo sopravvive nonostante i milioni di morti e le persecuzioni razziali? Riuscirà l’Italia a fare i conti una volta per tutte con una pagina della sua storia?

Tanti interrogativi ai quali proveranno a dare una risposta gli storici Carlo Greppi, Francesco Filippi ed Eric Gobetti. Online. Il Festival Éntula si sdoppia: non solo incontri nei vari centri della Sardegna, secondo la filosofia del festival letterario diffuso organizzato dall’associazione Lìberos, ma anche incontri sui social per andare oltre le limitazioni imposte dalle norme anti Covid-19.

“L’importanza di essere antifascisti”

Lunedì 19 ottobre alle ore 18 diretta streaming sulla pagina Facebook del Festival Éntula e sul canale YouTube di Lìberos.

advertisement

Carlo Greppi, dottore di ricerca in Studi storici, collabora con Rai Storia – come presentatore, inviato e ospite – ed è membro del Comitato scientifico dell’Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea “Giorgio Agosti”. Ha scritto “L’antifascismo non serve più a niente” (Laterza, 2020).

Immaginate un paese in cui si ripete costantemente «che c’entriamo noi col fascismo?» e «ma poi, anche se fosse, tanto non era una dittatura, anzi ha fatto pure qualche cosa di buono». Immaginate un paese dove il crollo del fascismo viene chiamato anche ‘morte della patria’, dove la Resistenza diventa un’eredità scomoda da nascondere quanto prima nella soffitta della memoria.

Francesco Filippi è l’autore del volume “Ma perché siamo ancora fascisti? Un conto rimasto aperto” (Bollati Boringhieri, 2020). Storico della mentalità e formatore, Filippi è presidente dell’Associazione di Promozione Sociale Deina, che organizza viaggi di memoria e percorsi formativi in collaborazione con scuole, istituti storici e università in tutta Italia. Ha collaborato alla stesura di manuali e percorsi educativi sui temi del rapporto tra memoria e presente.

Com’è possibile – ci si chiede in molti – che dopo tutto quello che è successo – dopo una guerra disastrosa, milioni di morti, l’infamia delle leggi razziali, la vergogna dell’occupazione coloniale, una politica interna economicamente fallimentare, una politica estera aggressiva e criminale, un’attitudine culturale liberticida, una sanguinosa e lunga guerra civile… –, oggi ci guardiamo intorno, ben addentro al terzo millennio, e ci scopriamo ancora fascisti?

Eric Gobetti è uno Storico italiano, studioso del Fascismo, della seconda guerra mondiale, della Resistenza e della storia della Jugoslavia nel Novecento. Come regista ha diretto il documentario “Partizani. La resistenza italiana in Montenegro”.