Il Cagliari di Di Francesco domani affronterà il Crotone, match che andrà in scena alle ore 12:30 alla Sardegna Arena. Una sfida in cui i rossoblù avranno contro dei “visi familiari” come Cigarini, ma dalla loro avranno i tifosi sugli spalti.

La compagine di Di Francesco arriva alla sfida con i tre punti conquistati di forza a Torino, ma il mister quest’oggi in conferenza stampa analizza quali sono ancora i limiti della squadra.

“Ci è capitato di subire gol all’inizio dei due tempi, sicuramente dovremo alzare il livello di attenzione. Anche a Torino è successo, non importa se la responsabilità sia del singolo o di reparto; nei primi minuti della ripresa l’approccio non è stato dei migliori, al di là del gol concesso abbiamo sbagliato troppo e permesso ai granata di prendere in mano le redini della partita”.

Dall’altra parte c’è il Crotone di Stroppa, reduce dal pareggio contro la Juventus ma ancora a secco di vittorie. Nonostante la classifica non sorrida agli avversari, Di Francesco chiede attenzione da parte dei suoi.

“Ha un allenatore che sa far giocare bene le sue squadre. Il Crotone è aggressivo, ci prova sempre, è coraggioso, l’ha dimostrato sia contro il Sassuolo che contro la Juventus”.

Sicuramente in queste ultime sfide stiamo vedendo un Cagliari più squadra e meglio amalgamato con l’allenatore. Il mister elogia soprattutto i miglioramenti nella fase difensiva.

“Non è facile applicare ciò che richiedo, ma già avere raggiunto un ottimo livello per me è importante. Le grandi prestazioni nascono dalla fase difensiva; sono contento di quel che stiamo facendo, per essere ancora più competitivi dobbiamo migliorare e prendere qualche gol in meno: occorre comunque considerare anche le qualità degli avversari”. 

Cosa porta fiducia? Le vittorie ed i punti in campionato.

“Naturalmente i risultati aiutano ad accrescere l’autostima. Nel calcio è inutile lavorare bene se non arrivano i risultati, ma questi passano solo attraverso il lavoro che stiamo facendo”.