Coronavirus Italia, 11.705 casi e 69 decessi. “Lombardia situazione critica”

La Costiera Amalfitana in prima linea
La Costiera Amalfitana in prima linea
Coronavirus, direttore Ats di Milano: “La situazione in Lombardia è critica”

 

“Aumentano i ricoveri in terapia intensiva e sono in costante crescita anche i casi positivi. La situazione è critica in Lombardia, ma in particolare a Milano e nella Città metropolitana”. Lo dice Walter Bergamaschi, direttore generale dell’Ats di Milano. “Occorre l’aiuto di tutti i cittadini per fermare la corsa del virus”, il suo appello.

Coronavirus, in Italia 11.705 nuovi casi in un giorno e 69 decessi

In Italia altri 11.705 casi di coronavirus, a fronte di 146.541 tamponi effettuati. Nelle ultime 24 ore le vittime sono state 69 (sabato erano state 47). Sono +45 le terapie intensive. I guariti sono stati 2.334.

La Regione in cui ci sono stati più nuovi contagi è la Lombardia (2.975), seguita dalla Campania (1.376) e dal Lazio (1.198) e Piemonte (+1123). Aumento forte anche in Toscana (906) e in Veneto (800). La regione meno colpita è il Molise con 27 nuovi casi e la Basilicata con 48.

In Lombardia come si diceva 2.975 nuovi positivi (che fanno salire il totale degli attuali positivi a 23.294 e a 126.769 i casi totali), 21 morti (17.078 complessivamente) e più di 1.000 i ricoverati. Le terapie intensive salgono di 14 unità, i pazienti sono 110, di cui 84 intubati. Crescono anche i ricoverati, 122 in più in 24 ore. Gli ospedali hanno riaperto i reparti speciali. In provincia di Milano 1.463 i nuovi positivi. Sono 86.397 i dimessi guariti con un incremento dei tamponi pari a 30.981.

Il bollettino sull’emergenza Covid in Campania registra 1.376 nuovi positivi, di cui sintomatici 55. I tamponi del giorno sono 14.256. Totale positivi 25.819. Totale dei tamponi 766.187. Due i deceduti del giorno che fa salire il torale a 501. I guariti di oggi 199 per un totale di 8.453. I posti letto di terapia intensiva sono 113 di cui 78 occupati; 904 i posti letto di degenza di cui occupati 849.

Fonte:www.affaritaliani.it