Porto Torres. Perantoni, da TAR Sardegna importante cambio di passo sulle questioni ambientali

Perantoni ricorda ebru timtik
On. Mario Perantoni (M5S).

Perantoni:“Una sentenza storica per la Sardegna e non solo, che riconosce come prioritaria la tutela dell’ambiente, stabilendo le responsabilità di Eni per il gravissimo  inquinamento dell’area industriale di Porto Torres, che dagli anni settanta ai giorni nostri ha  devastato terreni e falde acquifere”.

Così Mario Perantoni – presidente della commissione  Giustizia della Camera e deputato M5S – commenta la decisione dei giudici della seconda  sezione del Tar Sardegna che “chiude il contenzioso aperto fin dal 2013 e stabilisce che Eni è  ‘il soggetto responsabile’ dell’inquinamento e del mancato risanamento,

nonché del nesso  causale tra la gravissima contaminazione anche cancerogena e l’attività esercitata dalla  società e le sue collegate (prima Syndial e poi Eni Rewind) nel sito industriale.

Il Movimento 5  Stelle è nato e si è sempre battuto per imporre nell’agenda politica del Paese – tra l’altro – la  tutela dell’ambiente e della legalità.

Ci auguriamo, quindi, che la sentenza venga confermata dal Consiglio di Stato e apra nuovi orizzonti nella mentalità e nelle scelte politiche della classe  dirigente sarda, che dovrebbe operare avendo sempre a cuore, prima di tutto, il bene comune  dell’isola”, conclude Perantoni.