Polizia di Stato di Cagliari. Ripreso dalle telecamere mentre ruba un’autovettura dal parcheggio dell’aeroporto di Elmas. Denunciato un 47enne.

Scoperta truffa da 400.000 euro dalla Polizia Postale di Cagliari
Al termine di un’articolata indagine durata oltre un anno, la Polizia di Stato è riuscita a dare un volto ad alcuni componenti di un sodalizio criminale dedito ai reati di abusiva attività finanziaria, truffa, riciclaggio ed estorsione.L’attività investigativa, svolta dalla Polizia Postale e delle comunicazioni, è nata dalla denuncia sporta nel 2018 da un cittadino sardo il quale, dietro la garanzia di cospicui rendimenti è stato convinto da sedicenti promotori finanziari ad eseguire cospicui investimenti su una falsa piattaforma di trading on line.La vittima, che operava su una piattaforma raggiungibile all’indirizzo internet https://urlsand.esvalabs.com/?u=https%3A%2F%2Fglobalfxm.com&e=c75d7d81&h=6c27652f&f=n&p=y , pensando di effettuare l’acquisto di cripto valuta ha investito somme per una importo pari ad € 380.000,00, attraverso l’esecuzione di bonifici bancari a favore di un conto corrente estero ubicato in Repubblica Ceca. Resosi conto del raggiro il denunciante ha manifestato ai pseudo broker finanziari la volontà di rientrare del capitale investito, ed a questo punto è stato anche oggetto di vere e proprie minacce per indurlo a versare ulteriori somme per sbloccare il rimborso. Il coordinamento internazionale posto in essere dal Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni, ha permesso nell’immediatezza della denuncia, attraverso l’indispensabile cooperazione di Europol presso la quale è stato attivato il gruppo di lavoro J-CAT (Joint Cybercrime Action Taskforce), di interessare il collaterale Organo di polizia ceca che ha accertato come il danaro in questione fosse stato trasferito ad altri due conti correnti bancari, in essere sempre presso istituti di credito cechi, sui quali è stato possibile reperire la somma totale di circa € 226.000,00, ancora giacente, che è stata prontamente bloccata.Di concerto con la Procura della Repubblica di Cagliari, nell’ambito della cooperazione in materia di assistenza giudi

Mercoledì sera  il personale di una società di autonoleggio sita presso l’Aeroporto di Elmas ha segnalato agli Agenti della Polizia di Frontiera Aerea il furto di una delle loro autovetture, avvenuto molto probabilmente in mattinata.

Gli agenti, immediatamente, hanno visionato le immagini del circuito di videosorveglianza del parcheggio, scoprendo che, durante le prime ore del mattino, un uomo è entrato, ha forzato la cassetta contenente le chiavi dei mezzi e dopo averne prelevato un mazzo si è diretto verso l’autovettura corrispondente per poi partire a gran velocità.

I poliziotti della Polaria hanno così deciso di tenere sotto controllo l’autonoleggio e ieri notte hanno notato una persona perfettamente corrispondente all’uomo che nella giornata precedente aveva effettuato il furto.

Bloccato immediatamente, il soggetto è stato identificato per un 47enne ben noto alle Forze di Polizia per i suoi numerosi reati contro il patrimonio, nonché gravato dall’avviso orale del Questore e il divieto di ritorno nei comuni della Città Metropolitana di Cagliari per tre anni.

Ad un primo controllo il 47enne è stato trovato in possesso di una chiave con una targhetta attaccata riportante la scritta “Fiat Panda” e la targa del mezzo, perfettamente corrispondente con quella asportata dalla cassetta.

L’autovettura rubata è stata trovata parcheggiata presso la stazione ferroviaria di Elmas, mentre l’uomo è stato denunciato a piede libero per furto.