Isole che Parlano di musica, si aprirà alle 19:00 in piazza Libertà a Santa Teresa Gallura (SS) con il Concerto al tramonto di Jabel Kanuteh (Gambia) e Marco Zanotti (Italia) Freedom of Movement, in cui le due anime musicali, Kanuteh, griot di famiglia e tradizione con tante storie da raccontare, e Zanotti, visionario percussionista romagnolo, si incontrano e si corrispondono con due strumenti apparentemente distanti, la kora e la batteria.

Il concerto – realizzato in collaborazione con Life After Oil International Film Festival – presenterà l’omonimo disco uscito a marzo 2020, un inno alla libertà di movimento che racconta il desiderio, la necessità e il diritto che ognuno di noi ha di muoversi e attraversare i confini, nella musica così come nel mondo.
In caso di pioggia il concerto si terrà presso il Cineteatro Nelson Mandela di Santa Teresa Gallura.

Il programma proseguirà poi in serata a Palau (SS)alla Fortezza di Monte Altura che domina con la sua mole il Parco dell’Arcipelago di La Maddalena.

advertisement

Alle 22:00 si terrà il concerto in solo di Stefano Pilia, chitarrista e compositore elettroacustico, che propone una musica che accosta le composizioni di Arvo Pärt arrangiate per chitarra solista, in dissolvenza con una lunga suite in cui emerge la sua statura stilistica che lo ha portato a essere il musicista post-rock più trasversale in Italia (collaborazioni con 3/4HadBeenEliminated, ZU, In Zaire, David Grubbs e Andrea Belfi, la stella del Mali Rokia Traoré e Afterhours).

A seguire, alle 23:00, invece, l’appuntamento sarà con una performance sonora di voce ed elettronica che unisce musica scritta e composizione in tempo reale, dando vita a una costellazione di elementi vocali accompagnati da processi elettronici generativi, bordoni tessiturali, ritmiche glitch e monolitiche. Protagonisti Dalila Kayros (Sardegna) – cantante, compositrice, ricercatrice vocale, sospesa tra la poetica di pop d’avanguardia di Björk e la sperimentazione vocale di Diamanda Galas, che da anni lavora nell’ambito della ricerca sonora più radicale – e Danilo Casti (Sardegna) compositore e performer del suono.
In caso di pioggia entrambi i concerti previsti alla Fortezza di Monte Altura si terrano al Cineteatro Montiggia di Palau.

Inoltre, a partire da venerdì 11 settembre (e fino all’8 ottobre) al Centro di Documentazione del Territorio di Palau è aperta la mostra fotografica di Monika Bulaj Broken Songlines con i seguenti orari: dall’11 al 13 settembre compresi dalle 9:30 alle 13:00 e dalle 15:30 alle 20:30; a partire dal 15 settembre e fino all’8 ottobre tutti i giorni tranne il lunedì dalle 10:00 alle 12:00 e dalle 17:00 alle 20:00.

Ricordiamo, infine, che quest’anno tutti gli appuntamenti di Isole che Parlano sono a numero chiuso con prenotazione obbligatoria a questo link: https://www.eventbrite.it/o/isole-che-parlano-festival-internazionale-3102317968

 

Scheda tecnica

Titolo
Isole che parlano
Festival internazionale – XXIV edizione

Periodo e luogo
7 – 13 settembre 2020
Palau / Arzachena / Luogosanto / Santa Teresa Gallura

Ingresso
gratuito, numero limitato, prenotazione obbligatoria

Organizzazione
Associazione Sarditudine

Con il contributo di
MiBACT/DIREZIONE GENERALE SPETTACOLO
Regione Autonoma della Sardegna/Assessorato della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport
CCIAA di Sassari/Salude & Trigu
Fondazione di Sardegna
Parco Nazionale dell’arcipelago di La Maddalena
Comune di Arzachena
Comune di Luogosanto
Comune di Santa Teresa Gallura
Banco di Sardegna
Unione Buddhista Italiana

Con il patrocinio
diEFFE Label 2019-2020
Comune di Palau
ISRE – Istituto Superiore Regionale Etnografico

Media partner
Rai Radio3

Sponsor tecnici e collaborazioni servizi
Sardinia Ferries
Baia Saraceno
Jungle Surf
Aquarius travel
Liune Apicoltura Nomade
Associazione Ariele
Lugori Sardinia Tourism Services

Collaborazioni e coproduzioni
Time in Jazz
Life After Oil International Film Festival
Associazione Archivio Mario Cervo
NoArte paesemuseo
Associazione Culturale Cuncordu Bolothanesu Tottoi Zobbe

Isole che parlano di fotografia
Sponsor
Fujifilm
In collaborazione con
Istituto Polacco di Roma