Sechi e Mameli sul trasferimento positivi a Ploaghe

Sechi e Mameli sul trasferimento positivi a Ploaghe
Sechi e Mameli sul trasferimento positivi a Ploaghe

Sechi e Mameli sul trasferimento positivi a Ploaghe. Sulla vicenda del possibile trasferimento di tre pazienti positivi al Covid-19 nella struttura della Fondazione San Giovanni Battista di Ploaghe ci corre l’obbligo di fare alcune precisazioni, senza alcun intento polemico e solo per fornire una corretta informazione ai cittadini.

Sechi e Mameli sul trasferimento positivi a Ploaghe
Sechi e Mameli sul trasferimento positivi a Ploaghe

Nella giornata di mercoledì siamo stati contattati dal vice Sindaco di Ploaghe Gerolamo Masala che ha chiesto un nostro intervento sul fatto in oggetto. Noi eravamo già a conoscenza di quanto stava accadendo e, insieme al  Presidente del Consiglio Regionale Michele Pais, ci eravamo già attivati con l’ATS. Questo per scongiurare quella eventualità ma soprattutto perché venisse riconosciuto quanto stabilito per Ploaghe e cioè che alla Fondazione sarebbero potuti arrivare solo pazienti già negativizzati, per la precisione al terzo tampone negativo già effettuato. C’è stato da subito confermato che quanto da noi esposto fosse corretto e da quel momento la scelta di trasferire al Ploaghe i tre pazienti ha giustamente subito un immediato stop, fino ad essere poi bloccata del tutto.

È evidente che non si poteva procedere in quella direzione ed il nostro intervento è servito principalmente per riportare la questione nei giusti binari, evitando scelte inappropriate e che si sarebbero rivelate sbagliate.

Diciamo tutto questo non per veder riconosciuti i nostri meriti, abbiamo infatti esclusivamente svolto il nostro ruolo e crediamo di averlo fatto in maniera corretta. Non sappiamo se e come sia intervenuto anche il Sindaco di Ploaghe ma in ogni caso riteniamo che questo non abbia influito sul buon esito di questa vicenda. I fatti dicono chiaramente che non c’è stato e, riteniamo, non ci sarà, alcun bisogno di scontri istituzionali e tanto meno di schierare le truppe davanti alla Fondazione. È sicuramente giusto mantenere alta l’attenzione ed è quello che abbiamo sempre fatto e continueremo a fare anche nel futuro.

I consiglieri regionali Gianfilippo Sechi e Piero Maieli