Essenza di lentisco per la salute orale: lo studio

Una ricerca pubblicata di recente su Antibiotics mette in luce i potenziali benefici dell'essenza di lentisco nelle infezioni del cavo orale. Tutti i dettagli nell'articolo.

Su Sardegna Reporter torniamo a dare spazio alla ricerca sulle piante medicinali sarde e sui loro oli essenziali. Oggi è il turno dell’essenza di lentisco, protagonista di uno studio che ne ha valutato i potenziali benefici per bocca, denti e gengive.

Il lentisco e i suoi derivati, infatti, sono usati nella medicina tradizionale sarda proprio come antinfiammatori, analgesici, cicatrizzanti e antisettici orali, e ciò ha spinto un gruppo di studiosi a valutarne gli effetti in provetta. Approfondiamo la questione!

Essenza di lentisco per la salute orale: la ricerca

Lo studio – frutto di una collaborazione tra le Università di Sassari, Roma, Praga e Berna – è iniziato a Costa Paradiso, in Gallura, con la raccolta delle foglie di lentisco a ottobre, periodo in cui sono particolarmente ricche di essenza.

advertisement

Quest’ultima, estratta dalle foglie mediante idrodistillazione, si è rivelata ricca di α-pinene e terpinen-4-olo – sostanze dai noti effetti antimicrobici che insieme rappresentavano il 33% del totale.

Gli autori, quindi, hanno testato l’essenza di lentisco su alcuni microrganismi coinvolti nello sviluppo della placca dentale e della parodontite (un’infiammazione che, a lungo andare, può causare la perdita dei denti) proprio per valutarne le potenzialità come antisettico.

Ma cosa è emerso dalla ricerca?

Effetti antimicrobici del lentisco

L’essenza di lentisco ha inibito lo sviluppo di P. gingivalis, T. forsithya, S. gordonii – batteri capaci di formare la placca dentale, colonizzare le gengive ed eroderne i margini – a basse concentrazioni. 

Si parla, infatti, di:

  • 3,13 µg/mL per P. gingivalis e T. forsithya;
  • 12,5 µg/mL per S. gordonii.

Oltre a ciò ha inibito lo sviluppo della Candida: un lievito che – oltre a causare infezioni orali chiamate “mughetto” nei pazienti immunodepressi – può aumentare l’aggressività dei batteri e aggravare le infiammazioni parodontali.

Le concentrazioni inibitorie, in questo caso, variavano da 6,25 µg/mL per C. glabrata a 12,5 µg/mL per C. albicans. Ma l’essenza di lentisco non si è limitata a questo!

Effetti antinfiammatori del lentisco

Essa, infatti, ha ridotto l’attività di proteine enzimatiche (COX) che producono la PGE2 e altre sostanze infiammatorie in grado di ritardare la guarigione del tessuto danneggiato.

Effetti raggiunti a basse concentrazioni (1,3 μg/mL per COX-1, 0,87 μg/mL per COX-2) solo 7 volte superiori rispetto all’ibuprofene (il farmaco antinfiammatorio di riferimento).

Effetti dell’essenza di lentisco sulle cellule umane

Un fatto altrettanto importante è che l’essenza di lentisco abbia agito in totale sicurezza verso cheratinociti e fibroblasti, cellule fondamentali per la cicatrizzazione dei tessuti, mantenendole vitali a concentrazioni fino a 100 µg/mL.

Conclusioni e prospettive per il futuro

Questo studio preliminare evidenzia le potenzialità dell’essenza di lentisco nel trattamento delle gengiviti e nella prevenzione delle parodontiti.

Potenzialità che derivano sia dalle attività antimicrobiche e antinfiammatorie, sia dalla sicurezza per le nostre cellule. Il fatto che inibisca le COX-2, inoltre, suggerisce che possa agire anche nei confronti dei ceppi resistenti.

Studi precedenti, infatti, hanno evidenziato che l’aspirina e altri antinfiammatori da banco, che agiscono su tali enzimi, riducono la resistenza dei funghi verso gli antimicotici e questo potrebbe valere anche per l’essenza, vista la sua azione sulle COX-2.

In tal caso ci troveremmo di fronte a un rimedio sicuro, da usare in supporto ai farmaci, nel trattamento delle infezioni più ostinate. Vedremo se questi risultati verranno confermati da ricerche più approfondite!

Jessica Zanza

Fonte

Un click qui per leggere la pubblicazione da cui è stato tratto questo articolo.


Postilla

Se l’articolo vi è piaciuto, allora potrebbe interessarvi anche: