Disabili sardi a terra: ancora bloccato il servizio di trasporto per i centri Aias

Disabili sardi

La capogruppo del M5S Desirè Manca presenta una mozione assieme ai consiglieri di Leu Cocco e Lai: “la regione assicuri l’immediata riattivazione del servizio”.

 

“Terminata la Fase uno dell’emergenza, i centri Aias della Sardegna hanno riaperto al pubblico. Ciò nonostante, ancora oggi, numerosi pazienti disabili hanno difficoltà a frequentare le strutture di riferimento dal momento che il servizio di trasporto effettuato dall’Aias per consentire loro di non dover dipendere interamente dai familiari non è stato ancora riattivato. Parrebbe infatti che l’Aias – spiega la capogruppo del m5s Desirè Manca – non sia più in grado di assicurare la ripresa del servizio poiché i mezzi a disposizione sarebbero insufficienti a coprire le diverse corse quotidiane tenendo conto delle mutate esigenze a livello organizzativo prescritte a livello statale”.

“La necessaria sanificazione dei mezzi e la limitazione del numero di passeggeri a bordo parrebbe aver definitivamente mandato in tilt un sistema già conosciuto come precario. Tuttavia, a prescindere dalle difficoltà del dover adottare le misure anti-covid, non è accettabile che gli utenti dei centri AIAS della Sardegna vengano privati di un servizio essenziale che la Regione, direttamente o tramite i comuni e le Aziende sanitarie locali, è tenuta a garantire”.

Così la capogruppo del M5S Desirè Manca (prima firmataria), i colleghi pentastellati (Roberto Li Gioi, Michele Ciusa, Alessandro Solinas) assieme ai consiglieri di Leu Daniele Cocco ed Eugenio Lai, ha presentato una mozione che impegna il Presidente Solinas e l’assessore alla Sanità Nieddu a riattivare immediatamente il servizio di trasporto da e verso i centri di riabilitazione della Sardegna.

Disabili sardi

“Qualora l’Aias non sia più in grado di garantire la regolare ed efficiente esecuzione del servizio, la Regione ha l’obbligo di predisporre una complessiva riorganizzazione dello stesso. Tra l’altro, il ricorso a una soluzione alternativa – ricorda Desirè Manca – è stato valutato già da tempo dalla Regione Sardegna, che, preso atto delle carenze del servizio effettuato in maniera non uniforme sul territorio regionale e con modalità non sempre adeguate alle esigenze dei pazienti, già alcuni anni fa aveva in programma l’avvio di un Progetto regionale per la mobilità  sociale dotato di veicoli attrezzati e personale adeguato. Un progetto abbandonato da tempo e che oggi potrebbe essere necessario rivalutare”.

“Qualsiasi sia la soluzione individuata dalla Regione, auspichiamo che venga adottata nel più breve tempo possibile. Non possiamo dimenticare che tantissimi disabili sardi sono stati privati di un supporto quotidiano per tre lunghi mesi e che non poter frequentare i centri di riabilitazione significa soprattutto vanificare tutti i passi in avanti compiuti finora. Non possiamo attendere oltre”.