Controlli dei Mezzi Nautici della Guardia Costiera di Golfo Aranci

guardia costiera golfo aranci

E’ alto l’impegno del personale dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Golfo Aranci al Comando del T.V.(CP) Angelo FILOSA per l’attività di controllo Mare Sicuro e per i controlli ambientali.

Molto particolare è l’impegno del personale di bordo imbarcato sulla Motovedetta CP709 di Golfo Aranci e sul Gommone B77 dell’Ufficio Locale Marittimo di Porto Cervo,

operanti in mare per garantire la sicurezza di diportisti e bagnanti.

Regole precise di sicurezza per tutelare tutti ed evitare la commistione pericolosa tra bagnanti e unità a motore.

Per questo uno dei principali controlli è volto a verificare che le unità da diporto non invadano la fascia di balneazione

ed in particolare che non saltino i cavi tarozzati entrando nell’area riservata.

Una delle aree che ha impegnato molto gli uomini del Gommone B77 di Locamare Porto Cervo è la costa di Cala Petra Ruja nel Comune di Arzachena,

area turistica di pregio, dove sono stati sanzionati 19 diportisti scorretti per aver invaso la fascia di balneazione con sanzioni da 229,50 e 459 Euro

(gli importi scendono a 160,65 e 321,30 se pagati entro 5 giorni).

Altra area particolare è il Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena con la bellissima Isola di Mortorio assolutamente da tutelare,

dove i militari hanno elevato 39 sanzioni da 333 Euro ad altrettanti diportisti che transitavano nella riserva naturale.

Tuttavia, qualche giorno fa si verificava un episodio relativo ad un diportista che a seguito del controllo della Motovedetta CP709

offendeva a più riprese il personale della Motovedetta e rifiutava di allontanarsi dall’area soggetta a tutela integrale.

Inoltre, a seguito della contestazione della sanzione, accartocciava il verbale e lo gettava via.

Allora i militari lo invitavano a lasciare l’area di divieto, ma lo stesso continuava ad offendere il personale e rifiutava di allontanarsi.

Il personale della Motovedetta attendeva fino a che il diportista lasciava l’area vietata.

Nei confronti dello stesso, è stata elevata una sanzione da 333 Euro,

inoltre è stata notiziata la Procura della Repubblica di Tempio Pausania per valutare i reati

di Oltraggio a Pubblico Ufficiale e Inosservanza dei Provvedimenti dell’Autorità.

L’ufficio Circondariale Marittimo di Golfo Aranci, coordinato dal Direttore Marittimo CV (CP) Maurizio TROGU,

continua nelle attività di controllo a tutela di diportisti, bagnanti e per preservare le risorse naturali.

Per qualsiasi evenienza, si ricorda il numero blu gratuito 1530 per le emergenze in mare, oltre ai consueti mezzi di comunicazione.

guardia costiera golfo aranci