A Ulassai il Rocce Rosse Blues Festival 2020

La suggestiva rassegna targata 2020 di Rocce Rosse Blues Festival che vedrà la Stazione dell'Arte di Ulassai palcoscenico principale

Rocce Rosse Blues Festival, nove grandi serate, nove appuntamenti che sposano altrettanti generi dello spettacolo non solo musicale. Ci sono suggestioni sonore, sentimentali e poetiche nella rassegna Rocce Rosse Blues Festival 2020 che vedrà la Stazione dell’Arte di Ulassai, palcoscenico del calendario di concerti, visite guidate, degustazioni dei prodotti tipici e fascino dei luoghi.

Un’edizione speciale per la manifestazione che si trasferisce quest’anno, nella suggestiva Stazione dell’Arte di Ulassai, circondata dai Tacchi e dalla Valle del Pardu. Un palcoscenico straordinario che offre un’atmosfera estiva piacevole e perfetta per pubblico e artisti, circondata dal paese, dalla natura incontaminata e dalle montagne maestose, meta di arrampicate e di sentieri del trekking tra i più belli al mondo. La rassegna e la Fondazione Stazione dell’Arte si sono unite in una collaborazione che porta sul palco la musica circondata dall’arte contemporanea di Maria Lai.

Nuovi spazi accanto alle opere dell’artista e immersi nelle atmosfere delle casette abbandonate di Osini Vecchio accoglieranno gli spettacoli di Rocce Rosse Blues. Dal 4 agosto al 19 settembre 2020 gli appuntamenti imperdibili con i grandi protagonisti della musica italiana e mondiale. Una programmazione intensa, tra le immancabili sonorità blues, world music, musica popolare ricca di contaminazioni con il folk, le influenze del rock, del jazz e della sperimentazione con i fuoriclasse della scena musicale internazionale e italiana, coinvolti tra melodie suadenti, esotiche e frenetiche, ma soprattutto sotto l’influsso del magico cielo d’Ogliastra.

advertisement

Programma

-4 agosto- Paolo Fresu & Daniele Di Bonaventura l’apertura della ventinovesima edizione del festival è affidata a Paolo Fresu e Daniele di Bonaventura, il trombettista sardo e il bandoneonista marchigiano, duo d’eccezione per il primo appuntamento nel cartellone. Paolo Fresu alla tromba e al flicorno e Daniele di Bonaventura al bandoneon per il felice sodalizio artistico, quello del musicista sardo con il marchigiano, nel segno degli strumenti ad aria e di un lirismo dagli aromi mediterranei; un’unione consolidata negli anni attraverso tanti concerti e progetti (in particolare quelli con il coro corso A Filetta), e culminata nell’album “In maggiore”, pubblicato nel 2015 dalla prestigiosa etichetta Ecm.

Ore 21:30 ticket: 20 € + d.d.p. -Location: Stazione dell’Arte – Ulassai

 -8 agosto- Trenino Blues in musica con Moses Concas e Francesco Piu. Si parte alle 8.30 dalla stazione del borgo marinaro di Arbatax, per un viaggio che si combina a brani con sonorità che abbracciano ogni genere artistico, le atmosfere suggestive dell’antico locomotore e una scenografia quella della natura, costruita ad hoc per i viaggiatori. Alle 10:19 prima sosta nella fermata di Elini e poi di nuovo in carrozza verso Arzana per giungere alle 12.22 nell’ultima tappa ferroviaria di Gairo Taquisara. All’ora di pranzo l’esperienza musicale approda alla maestosa Scala di San Giorgio; il viaggio fa sosta per il pranzo nell’omonimo ristorante per poi proseguire al pomeriggio accompagnati dall’associazione Archeotaccu alla scoperta della storia, dell’arte e della natura custodite nella Valle del Pardu. La giornata si conclude con il concerto di Fabrizio Poggi ed Enrico Polverari. I due musicisti porteranno il blues caldo ed appassionante da subito protagonista della serata, seguiti dall’armonica e le melodie blues di Moses e Francesco Piu che saliranno sul palco per il concerto nella spettacolare Stazione museo, quella dell’Arte di Maria Lai a Ulassai.

Ore 8:30 partenza da Arbatax – Ticket 50 € (inclusi d.d.p.)

Ticket per la sola sera (altrimenti incluso nel pacchetto): 5 € + d.d.p. Location: Stazione dell’Arte – Ulassai

-11 agosto – serata all’insegna della tradizione nella musica ancestrale della Sardegna, nell’antico borgo nell’incantevole paese di Osini Vecchio, con Tres Passos – Balli della tradizione, l’appuntamento dedicato alla memoria, un viaggio a ritroso nel tempo, quando nelle sere d’estate risuonavano nelle strade dei paesi, le emozionanti note dell’organetto, i balli e tutte le espressioni straordinarie della tradizione popolare sarda.

Ore 21:30 – Location: Osini Vecchio – Ingresso Gratuito (su prenotazione info@roccerosse.it o 3493252941)

 -14 agosto – serata speciale del festival con “The Crossing”, Enzo Favata il valente e inventivo sassofonista sardo con il suo ormai consolidato quartetto porta a Ulassai il suo già celebrato progetto che, oltre al leader, sassofonista e polistrumentista, schiera Pasquale Mirra, uno dei più acclamati vibrafonisti europei (suonerà per l’occasione anche la marimba midi), Rosa Brunello al basso elettrico e Marco Frattini alla batteria ed electronic pads.

Ore: 21:30 ticket: 10 € + d.d.p. – Location: Stazione dell’Arte – Ulassai

-15 agosto – una delle voci più intense e suggestive della musica italiana Antonella Ruggiero arriva sul palco di Rocce Rosse Blues, la sua esibizione sarà seguita da quella di Simona Molinari. Regine della sperimentazione tra generi e tradizioni diverse le due artiste regaleranno al pubblico due concerti creativi. La voce di Antonella Ruggiero sarà come sempre in grado di tradurre ogni suono in emozioni nuove e vibranti accompagnata dalla fisarmonica, Simona Molinari proseguirà anche a Ulassai la sua da sempre intensa attività live con la quale ha portato la sua musica nei migliori teatri Italiani e stranieri. Per Rocce Rosse Blues salirà sul palco con Claudio Filippini al piano, Fabrizio Pierleoni, contrabbasso e Fabio Colella alla batteria

Ore: 21:30 ticket: 25 € + d.d.p. – Location: Stazione dell’Arte – Ulassai

-16 agosto – saluterà il pubblico della Stazione dell’Arte seduto al suo pianoforte il vulcanico Stefano Bollani, il jazzisti ospite immancabile delle ultime edizioni della rassegna non ha bisogno di inventare musica e ne fa letteralmente ciò che vuole. Bollani approda alla rassegna blues con il suo tour dedicato al capolavoro di Andrew LLoyd Webber & Tim Rice. A 50 anni dalla pubblicazione dell’album originale ‘Jesus Christ Superstar’, il pianista ha creato la sua personale versione del musical con il benestare del compositore inglese. “Piano Variations on Jesus Christ Superstar” è una versione totalmente inedita e interamente strumentale per pianoforte solo, ma che custodisce come un tesoro l’originale.

Ore: 21:30 ticket: 30 € + d.d.p – Location: Stazione dell’arte – Ulassai

-17 agosto – Rosa Brunello lascerà per una serata il suo “The Crossing” con Enzo Favata per dedicare suoni immagini e scene inaspettate al pubblico del Lavatoio comunale di Ulassai. La musicista specialista del contrabbasso e del basso elettrico, porterà la sua super presenza sul palcoscenico in mezzo al pubblico con una nuova produzione che porta sempre con sé la possibilità di godersi la natura, l’arte e la sua personale ricerca del suono.

Lavatoio comunale di Ulassai- ore 19:30 -Ingresso gratuito (su prenotaz. info@roccerosse.it o 3493252941)

 -22 agosto – Con il tour in solo “Boostology”, Davide “Boosta” Dileo fa tappa a Rocce Rosse Blues per un concerto speciale in cui il tastierista dei Subsonica, passeggia tra strumenti grandi e piccoli, tra suoni, canzoni e ispirazioni della sua memoria e della musica che ama, percorrendo i sentieri meno battuti del ‘900 e le pietre miliari del proprio repertorio pianistico, fino a svelare alcune sue composizioni inedite fino ai pezzi in anteprima del nuovo disco.

Orario: 21:30 ticket: 10 € + d.d.p. – Location: Stazione dell’Arte – Ulassai

 -19 settembre – Ultimo appuntamento speciale per la rassegna blues che si chiude portando sul palcoscenico l’incontro-spettacolo “Gaber se fosse Gaber” scritto e interpretato dal versatile e noto giornalista Andrea Scanzi. La voce off del compianto Giorgio Gaber risuonerà nella Stazione dell’Arte, quella delle Storie del Signor G alternata a quella dello storyteller aretino, giornalista de Il Fatto Quotidiano, che, a partire dall’ultima posizione assunta dell’artista milanese, comincerà a snodare la propria spigliata parlantina per ripercorrere la vita artistica con qualche minutissimo détour nella sfera privata e necessari agganci alla storia politica, sociale e culturale del nostro paese.

15 € + d.d.p. – Location: Stazione dell’Arte Ulassai

Un calendario che riconferma l’eccellenza delle scelte artistiche e pone anche in questa edizione, i presupposti per una rassegna in grado di regalare nuove occasioni per poter ascoltare l’ottima musica del festival nello scenario suggestivo dell’Ogliastra con le sue incantevoli vallate, le montagne dei Tacchi e gli antichi borghi. Un paesaggio ormai noto in tutto il mondo per la sua bellezza grazie anche alla “dimensione d’uomo” del festival e del luogo, in cui lasciarsi avvolgere dalla musica, dal calore dell’ospitalità e dalla scenografia naturale. Rocce Rosse si dimostra veicolo culturale e turistico per far apprezzare e conoscere l’incantevole paesaggio dell’Ogliastra, tra viaggi in treno, visite guidate, piatti caratteristici, vini pregiati, degustazioni dei prodotti tipici e fascino dei luoghi. La direzione artistica della rassegna ha puntato su una varietà di proposte importanti anche accessibile ai più svariati gusti musicali, così anche stavolta sottolinea il suo straordinario eclettismo e la sua grande attitudine a cambiare in continuazione, a rinnovarsi, in linea con la sua pulsione tra sorpresa e novità.

Ritrovarsi tutti insieme per questa nuova straordinaria edizione di Rocce Rosse Blues, immersi tra musica e arte, sarà possibile grazie al patrocinio del Comune di Ulassai, della Regione Sardegna, Assessorato del turismo, artigianato e commercio e assessorato pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport, della Fondazione di Sardegna, della Fondazione Stazione dell’Arte di Ulassai e in collaborazione con Arst.

La rassegna fa parte del Coast To Coast Festival insieme a Musica sulle Bocche

In tempi di post pandemia l’organizzazione prevede posti limitati e l’osservanza rigorosa delle regole anti- Covid.