L’ultimo pizzaiolo. L’omaggio al cinema perduto inaugura a La Maddalena il Festival “La Valigia dell’attore”

L'ultimo pizzaiolo

L’ultimo pizzaiolo. Nell’anno Covid in cui le sale cinematografiche sono state chiuse  e adesso faticano a riaprire, si apre la 17^ edizione del festival,

diretto da Giovanna Gravina Volo tè e Fabio Canu con un tributo appassionato al cinema, ai sogni di celluloide e ai  “pizzaioli”

I proiezonisti che sono stati sacerdoti di un rito laico e immaginifico, alimentando per decenni le storie destinate al grande schermo.

Buio in sala. La vecchia espressione, preludio di emozione sul grande schermo, adesso ha un sapore amaro.

I cinema di una volta non ci sono più, le monosale appartengono al ricordo di spettatori con i capelli bianchi.

Ultimo e terribile banco di prova, l’anno pandemico: per la prima volta sono state chiuse simultaneamente tutte le sale cinematografiche italiane, e meno della metà sono finalmente riuscite a riaprire.

Un film celebra quegli immaginifici templi del cinema: lunedì 27 luglio, alle ore 21.15 a La Maddalena (Fortezza I Colmi) “L’ultimo pizzaiolo” di Sergio Naitza inaugura l’edizione 2020 del Festival “La Valigia dell’Attore”,

manifestazione diretta da Giovanna Gravina Volonté e Fabio Canu, in programma fino al primo agosto.

Scritto e diretto da Sergio Naitza, prodotto da Karel (col contributo di Fondazione di Sardegna, la collaborazione della Società Umanitaria-Cineteca Sarda e Arionline, il sostegno di Fondazione Sardegna Film Commission),

“L’ultimo pizzaiolo” racconta un pezzo di memoria collettiva attraverso le sale cinematografiche della Sardegna chiuse, abbandonate e decadenti:

per Immortalare questi luoghi prima che vengano definitivamente cancellati dal profilo urbano di città e paesi.

Nessuna elegia del cinema, però: “L’ultimo pizzaiolo” vuole solo difendere una memoria pubblica e privata che appartiene a tutti,

restituire il racconto di un “come eravamo” piuttosto recente, che si riverbera nella storia sociale, economica e culturale, e che merita di non essere coperto dall’oblio.

Anche dopo il fatidico cartello “Fine” o “The end”.

La proiezione al Festival “La valigia dell’attore” sarà introdotta dal regista, Sergio Naitza, con uno dei protagonisti del film, Pino Boi, l’ultimo storico distributore di pellicole e cagliaritano verace.

Il padre era proiezionista e rumorista già ai tempi del muto nel cinema Olympia del capoluogo sardo, e Pino Boi, oltre a seguire le orme paterne poi abbandonate, è stato fattorino, magazziniere, distributore: una vita
in mezzo alla pellicola.

Ne “L’ultimo pizzaiolo” alla sua voce si intrecciano quelle di altri anziani
proiezionisti: tre “pizzaioli”, appunto, ultimi sacerdoti di rito laico, un mestiere soppresso dalla tecnologia.

C’è Mario Piras, storico operatore del cinema Olympia di Cagliari, entrato in cabina da ragazzino nel 1948;

c’è Luciano Cancedda, che ha lavorato nel cinema dal 1957 per diventare poi proiezionista del cinema Moderno di Monserrato, fino alla chiusura della sala;

e c’è Dante Cadoni, che ha iniziato nel 1966 a 15 anni al cinema Garibaldi di Villacidro per aiutare il padre, e ha poi portato avanti l’attività familiare.

Ognuno di loro porta una parola, un pensiero, un ricordo, una riflessione su
un’era che si è chiusa.

I luoghi sono i silenziosi coprotagonisti del documentario: per loro parlano le
immagini, captate dalla sensibilità fotografica di Luca Melis,

strutture fatiscenti dietro a una serranda arrugginita abbassata, che nasconde un ventre ormai svuotato, spesso senza più poltrone né schermo.

“L’ultimo pizzaiolo” è un viaggio evocativo attraverso tante sale cinematografiche della Sardegna, ormai dismesse:

le sale Due Palme e Alfieri di Cagliari, Ariston e Quattro Colonne di Sassari, Olimpia di Iglesias, Moderno di Sant’Anna Arresi, Verdi di Domusnovas,

Nuovocine e Garibaldi di Villacidro, Pusceddu di Guspini, Tre Campane di Lunamatrona, Costantino di Macomer, Iris di Assemini, Vittoria di
Uta, Astor di Villasor, Italia di Dorgali, Splendor di Arzachena, Astra di Olbia, Smeraldo di Jerzu.

«L’idea del film – racconta il regista Sergio Naitza – è di immergere ancora una volta lo spettatore in quel bozzolo buio, con lentezza ieratica, insistente e latente, lasciando che un dettaglio o un totale,

un movimento laterale o un leggero dolly, faccia riemergere quell’atmosfera che puzzava di fumo e variegata umanità dimenticata».

Le immagini dei cinema della Sardegna “disabitati” scorrono nel documentario montato da Davide Melis come squarci di natura morta,

reperti di archeologia industriale, lacerti di un luogo sconsacrato che sembra remoto ma in realtà è recente.

«Ogni città ha la sua via Gluck– spiega ancora il regista, Sergio Naitza – dove c’era il verde, e laddove la sala cinematografica era un luogo di divertimento,

cultura, condivisione, speranza, adesso c’è una città, ovvero l’ingordigia immobiliare che ha cambiato la destinazione d’uso e soppresso una memoria
collettiva.

Una rapida morte, dagli anni Ottanta, ha cancellato repentinamente luoghi simbolo di ogni centro abitato, grande e piccolo, frantumando un tessuto sociale che si era formato nel corso del tempo.

Sono arrivati i multiplex, ora è diverso il modo di andare al cinema. Ma cosa resta oggi dei tanti cinema Paradiso? In Sardegna molto poco.

Cagliari, per esempio, non ha più nessuna delle storiche sale. Ariston, Fiamma, Nuovo Odeon, Quattro Fontane, Nuovocine, Capitol, Corallo, Due Palme, Adriano sono stati spazzati via, nessuna sala cittadina si è salvata.

Così Nuoro, Olbia, Quartu, Iglesias, Lanusei.

Solo Sassari, in controtendenza, ha conservato il Moderno nel cuore della città, trasformandolo in un multiplex.

Resiste qualche cinema storico a Carbonia, Oristano, Alghero. E accanto alla parabola dei cinema scomparsi, c’è quella dei vecchi proiezionisti, dei gestori, delle cassiere:

dentro le sale sarde ci sono storie che non sono mai state raccontate, specchio di un’Isola che cambiava perché il cinema era connesso con la realtà sociale».

Anche la musica entra in dicotomia con l’impianto visivo: non un commento struggente o mieloso, per evitare l’effetto nostalgia, ma la disarmonia delle elaborazioni elettroniche composte da Arnaldo Pontis.

Rimandi di sonorità industriali intrecciate con vibrati in loop, qualche lamento di chitarra elettrica di Matteo Casula e note al piano dissonanti o irregolari per conferire una frattura, un distacco emotivo dalle immagini.

«Solo sui titoli di coda – sottolinea Naitza – cambia il tono sonoro con una canzone del 1939, “Signora Illusione”, intrisa di malinconia e dolcezza,

in struggente sintonia con le immagini delle sale chiuse che rimandano appunto alla magia e all’illusione del cinema dei vecchi tempi.

L’interprete è la grande cantante sarda, diva dei palcoscenici lirici e teatrali europei della prima metà del secolo scorso, Lia Origoni, oggi centenaria, alla quale va il nostro ringraziamento per averci concesso l’uso del brano».

L'ultimo pizzaiolo