Alberto Miodini e Ivan Rabaglia del Trio di Parma inaugurano il Bosa Antica

 Bosa Antica

 Bosa Antica: la musica classica è pronta a far risuonare i vicoli storici della città del Temo.

Domani sera prende il via ufficialmente la tredicesima edizione del Festival Internazionale di musica da camera “Bosa Antica”, tra le più importanti manifestazioni musicali di questo genere in Sardegna.

Ad aprire il festival, quest’anno in una formula light a causa del Covid-19, saranno, come di consueto, ospiti di rilievo mondiale che confermeranno Bosa la piccola capitale della musica classica al centro del Mediterraneo.

Saranno il pianista Alberto Miodini e il violinista Ivan Rabaglia dello storico Trio di Parma a inaugurare il festival domani sera alle 21 nel Chiostro del Carmelo. Il programma è un concentrato di bellezza e armonia: verranno eseguiti la Sonatina il La minore di Schubert, la Sonata di Ravel e la Sonata n.1 op. 78 di Brahms.

Dal 13 al 20 luglio quindi, ogni sera alle 21 sarà sempre il Chiostro del Carmelo ad ospitare i sette concerti che animano il cartellone del Bosa Antica 2020. Come detto, la formula della kermesse  rivisitata al tempo del Coronavirus ha dovuto sospendere momentaneamente l’attività di alta formazione artistica in presenza, preferendo la formula digitale e garantendo così, con masterclass fruibili online, un ponte prezioso tra grandi maestri e giovani allievi in formazione provenienti da tutta europa.

La formula digital è la grande novità 2020: ogni giorno alle 12.30, collegandosi alla pagina fb del Festival, sarà possibile vivere i protagonisti e le atmosfere del Bosa Antica grazie alla trasmissione “Bosa and friends” condotta dalla giornalista Rachele Falchi con la regia di Michele Gagliani: un piccolo contenitore di quindici minuti trasmesso tutti i giorni fino al 20 luglio dalla Cantina Columbu, storica azienda bosana che da lustro al nettare per eccellenza del territorio, la Malvasia che vedrà interviste con ospiti dal vivo, contributi video e assaggi in musica.

A partire dal 14, invece, tutti i giorni alle 21 sempre collegandosi nella pagina facebook del Festival, verranno trasmessi i concerti in differita di un giorno rispetto al programma ufficiale.

Il concerto di Alberto Miodini ed Ivan Rabaglia, quindi, sarà disponibile online martedì 14 alle 21.

COME PARTECIPARE AI CONCERTI:

Per prendere parte ai concerti dal vivo è possibile prenotare il proprio posto attraverso gli uffici della Pro Loco in Corso Vittorio Emanuele 33 dalle 11 alle 12  e dalle 17 alle 18, oppure telefonando al 3477367865

I protagonisti del concerto inaugurale

Alberto Miodini – pianoforte

Nato a Parma, ha compiuto gli studi musicali presso il Conservatorio “A.Boito” della sua città sotto la guida di Roberto Cappello; successivamente si è perfezionato con musicisti quali Dario De Rosa, Maureen Jones, Paul Badura-Skoda, Bruno Canino, Leon Fleisher ed Emanuel Ax.

Da trent’anni è il pianista del Trio di Parma, complesso con il quale si è affermato ai Concorsi Internazionali “Vittorio Gui” di Firenze, ARD di Monaco, Melbourne e Lione. Gli è stato inoltre conferito, sempre come componente del Trio di Parma, il Premio “Abbiati” della Critica musicale italiana per il 1994.

Ha tenuto concerti per le più importanti istituzioni musicali in Italia e all’estero, tra i quali vanno ricordati quelli per l’Accademia di Santa Cecilia di Roma, Teatro la Fenice di Venezia, Società del Quartetto di Milano, Filarmonica di Berlino, Carnegie Hall e Lincoln Center di New York, Wigmore Hall di Londra, Konzerthaus di Vienna, Mozarteum di Salisburgo, Filarmonica di San Pietroburgo, Teatro Colon di Buenos Aires, Festival di Lockenhaus, Festival di Lucerna, San Paolo, Mosca, Varsavia, Los Angeles, Washington, Hong Kong,…, collaborando con musicisti quali Pavel Vernikov, Bruno Giuranna, Eduard Brunner, Alessandro Carbonare, Wolfgang Holzmair…

Con il Trio di Parma ha inciso l’integrale dei Trii di Beethoven, Schubert, Schumann, Brahms, Dvorak e Shostakovich, nonché cd monografici dedicati a Liszt, Ravel, Rota e Pizzetti.

All’attività con il Trio affianca quella solistica, suonando sia in recital (con un repertorio che spazia da Bach a Nono) che con importanti orchestre quali l’Orchestra Sinfonica dell’Emilia Romagna “Arturo Toscanini”, l’Orchestra Sinfonica Siciliana, l’Orchestra da Camera di Mantova, l’Orchestra del Festival Pianistico di Brescia e Bergamo.

Ha inciso, per Brilliant Classics, un album con musiche pianistiche di Martucci e un cofanetto di 4 cd con Variazioni, Fantasie, Klavierstucke, Fughe, miniature e frammenti di F. Schubert; è di prossima pubblicazione per Movimento Classical un album dedicato ai Klavierstücke di Brahms. Ha inoltre effettuato numerose registrazioni radiofoniche e televisive per la Rai, la Bayerische Rundfunk, la NDR di Amburgo, BBC, ABC Classical Australia ed altre emittenti estere.

E’ docente di pianoforte presso il Conservatorio “A. Boito” di Parma.

Ivan Rabaglia – violino

Ivan Rabaglia, nato a Parma il 14 Ottobre 1971, è il violinista del Trio di Parma sin dalla sua costituzione nel 1990. Si è diplomato con il massimo dei voti, lode e menzione d’onore sotto la guida di Grazia Serradimigni e si è poi perfezionato con Franco Gulli, Stefan Gheorghiu, Giuliano Carmignola, Pavel Vernikov, Ilya Grubert, Zinaida Gilels, il Trio di Trieste (Dario De Rosa, Renato Zanettovich, Amedeo Baldovino) e Isaac Stern al Chamber Music Workshop di New York.

Insieme ai suoi colleghi del Trio, Alberto Miodini ed Enrico Bronzi, ha vinto il 1º premio al 16° Concorso Internazionale Vittorio Gui di Firenze nel 1992, il 2º premio al 2º Melbourne International Chamber Music Competition nel 1995, il 2º premio al 47° Internationaler Musikwettbewerb der ARD München nel 1998 (1° non assegnato), il 1º premio al 1º Concours International del Musique de Chambre de Lyon nel 2004 e ha ottenuto il premio “Abbiati” de

lla critica musicale italiana nel 1994.

L’attività svolta con il Trio ha portato Ivan Rabaglia a suonare per le più importanti istituzioni musicali italiane ed estere: Società del Quartetto di Milano, Amici della Musica di Firenze, Accademia di S. Cecilia di Roma, Teatro La Fenice di Venezia, Unione Musicale di Torino, Amici della Musica di Palermo, Filarmonica di Berlino, Konzerthaus di Vienna, Wigmore Hall di Londra, Lincoln Center e Carnegie Hall di New York, Salle Molière di Lione, Performance Arts Center di Mosca, Filarmonica di S. Pietroburgo, Teatro Colón di Buenos Aires e festival internazionali fra cui Lockenhaus, Luzern, Melbourne, Sligo (Irlanda), Lake District (Inghilterra), Orta, Portogruaro e Bad Kissingen.

Ha suonato con illustri musicisti tra i quali Bruno Giuranna, Simonide Braconi, Alessandro Carbonare, Eduard Brunner, Guglielmo Pellarin, come solista con direttori quali Vladimir Delman, Carl Melles e Hubert Soudant e Anton Nanut.

Alle numerose registrazioni radiofoniche per le più importanti emittenti italiane, inglesi, tedesche, americane e australiane si aggiunge un’attività discografica che include l’integrale dei Trii di Brahms e l’op. 65 di Dvořák per UNICEF, l’integrale dei trii e il Triplo Concerto di Beethoven, il Trio e le Sonate di Ravel, la sonata e il trio con chitarra di Giuliani per la rivista Amadeus, la prima incisione mondiale dei quartetti di De Fossa, l’Histoire du Tango di Piazzolla, i Trii e le Romanze di Shostakovich per l’etichetta Stradivarius con cui vince il premio come miglior disco dell’anno 2008 della rivista Classic Voice, l’integrale per trio di Pizzetti, Liszt, Schumann e Dvorak per l’etichetta Concerto e di Schubert per la Decca.

Già professore presso l’Istituto Musicale “Vecchi-Tonelli” di Modena, attualmente insegna violino al “Conservatorio Guido Cantelli” di Novara e tiene un Master di Alto Perfezionamento in musica da camera al Conservatorio di Parma.

Suona un violino Santo Serafino costruito a Venezia nel 1740, gentile concessione della Fondazione Pro Canale onlus.

Programma Concerti

Lunedì 13 Luglio                    Chiostro del Carmelo ore 21.00

Il violino racconta…

Ivan Rabaglia, violino

Alberto Miodini, pianoforte

Musiche di F. Schubert, M. Ravel, J. Brahms

Martedì 14 Luglio                  Chiostro del Carmelo ore 21.00

Il Gusto della trascrizione ai tempi di Beethoven:

Ouverture Egmont op. 84; Sinfonia n. 1 op. 21

Riccardo Ghiani, flauto

Michelangelo  Lentini, violino

Francesco Maria  Moncher, violoncello

Francesca Carta, pianoforte

Musiche di L. v. Beethoven/ J. N. Hummel/ I. Moscheles

Mercoledì 15 Luglio   Chiostro del Carmelo ore 21.00

                                               Recital Pianistico

Giulio Biddau, pianoforte

Musiche di L. v. Beethoven,  R. Schumann, F. Chopin, F. Liszt

Giovedì 16 Luglio                   Chiostro del Carmelo ore 21.00

Luci ed Ombre – La Musica del ’900 Francese

Riccardo Ghiani, flauto

Dimitri Mattu, viola

Paloma Tironi, arpa

Francesca Carta, pianoforte

Musiche di C. Debussy, M. Duruflè

Venerdì 17 Luglio                  Chiostro del Carmelo ore 21.00

Sussurri di Corde

Emanuele Addis, chitarra

Musiche di J. S Bach, F. Tarrega, H. Villa-Lobos

Sabato 18 Luglio                    Chiostro del Carmelo ore 21.00

“La Nave“

Presentazione del racconto di Mariano Chelo

Graziano Solinas, fisarmonica

Francesco Maria  Moncher, pianoforte

Domenica 19 Luglio   Chiostro del Carmelo ore 21.00

Quartetto Bosa Antica

Antonio Puglia, clarinetto

Dimitri Mattu, viola

Francesco Mariozzi, violoncello

Angela Oliviero, pianoforte

Musiche di W. A. Mozart, L. v. Beethoven

Seguici su:

Instagram @bosaantica  | Twitter bosaantica  |  Pagina Facebook: Corsi Bosa Antica

Canale Youtube: Bosa Antica  | www.corsibosaantica.it