Nuoro. Monitoraggio attuazione misure di contenimento e contrasto COVID-19

Si è svolta in data odierna, con il sistema della videoconferenza, la seconda riunione del Gruppo Misto, coordinato dal Prefetto di Nuoro, costituito per le finalità indicate dall’art. 10 del D.P.C.M. del 17 maggio 2020 ovvero per assicurare l’esecuzione delle misure, previste dal Decreto stesso e dai Protocolli di Settore, di contenimento e contrasto dell’emergenza da COVID-19 all’interno dei luoghi di lavoro delle aziende con sede nella Provincia di Nuoro e per monitorare l’attuazione delle misure da parte delle Amministrazioni competenti.

Il coordinamento del Gruppo Misto – di cui fanno parte il Comandante Provinciale Guardia di Finanza, il Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco, il  Capo dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro, il Comandante del Nucleo Carabinieri tutela del lavoro, il  Direttore del Dipartimento SPRESAL Zona Centro e il Comandante Polizia Municipale di Nuoro – è stato indirizzato a definire le linee di intervento con moduli operativi di controllo omogenei per garantire l’attuazione delle misure di contenimento del rischio da contagio all’interno delle aziende del nuorese, mettendo a punto check – list comuni e assegnando i diversi comparti produttivi alle singole istituzioni coinvolte, in base alla vocazione istituzionale degli stessi.

Secondo la reportistica acquisita, nella fase temporale 15 maggio – 31 maggio, sono stati effettuati in totale 76 accessi ispettivi presso le realtà produttive di maggiori dimensioni con riguardo al numero dei dipendenti addetti. Nel solo Comune di Nuoro  sono inoltre stati sottoposti a controllo 243 locali commerciali, 111 pubblici esercizi, 12 cantieri edili e stradali, 43 attività artigianali e 11 verifiche relative al Trasporto Pubblico Locale.

advertisement

I suddetti controlli hanno dato luogo alla contestazione di quattro (4) infrazioni per il mancato rispetto dei Protocolli o delle Linee Guida stabilite per gli ambienti di lavoro e a due (2) sospensioni delle attività fino al ripristino delle condizioni di sicurezza, per significativa inosservanza della normativa di contenimento COVID-19, ai sensi dell’articolo 1, comma 15, del Decreto Legge 16 maggio 2020, n. 33.

Preso atto della proficuità del raccordo ispettivo, è stata concordata la prosecuzione delle attività in parola con le attuali modalità fissando un ulteriore punto di situazione al 25 giugno prossimo.