Costiera Amalfitana, storie di ripartenza, di passione e di cuore

Pansa (antica pasticceria dell' '800): "Nato il progetto Pansa a casa tua. Abbiamo acquistato un furgoncino con il quale attraversiamo i borghi accompagnati dai nostri dolci più tradizionali. Chi chiamano anche dall'estero, pronti a ritornare

Authentic Amalfi Coast

E domani – ore 17 – in diretta sulla pagina Facebook del Distretto Turistico della Costiera Amalfitana: Lorenza Bonaccorsi, Sottosegretario con delega al turismo Mibact e Giulio Sapelli, una delle voci più originali e fuori dal coro tra gli economisti italiani.

” Abbiamo sfruttato il lockdown per ripensare a come gestire la ripartenza. I nostri nonni e bisnonni hanno resistito a due guerre, non poteva essere un virus a interrompere questa storia dolcissima

Ed allora abbiamo ideato il progetto Pansa a casa tua.  Abbiamo acquistato un furgoncino con cui stiamo attraversando i borghi della Costa d’Amalfi accompagnati dai nostri dolci più rappresentativi. Da Salerno a Sorrento, da Ravello a Positano, fino ai comuni collinari di Tramonti, Scala, Furore, Conca dei Marini, Valico di Chiunsi. Ma ciò che colpisce è anche l’affetto dai paesi stranieri e tante sono state le chiamate di turisti anche non italiani, dall’America all’Inghilterra che hanno preferito non prenotare altrove ma stanno aspettando la Costiera. C’è voglia di Costiera, c’è voglia di Italia”. Lo ha affermato Nicola Pansa dell’antica e famosa, storica pasticceria amalfitana, la pasticceria “Andrea Pansa”, nata nel 1830 ad Amalfi.

advertisement

Chi di voi è mai riuscito a resistere alla tentazione della Delizia al Limone della pasticceria Pansa, camminando tra le splendide viuzze intorno Piazza Duomo ad Amalfi? Chi di voi, specchiandosi nell’elegante gioco di specchi dorati dell’arredamento ottocentesco del locale, non ha mai ripensato all’immagine riflessa di personaggi del passato come WagnerIbsenQuasimodo?

Stiamo per raccontarvi una storia di ripartenza dolcissima. Una storia lunga cinque generazioni, che risale precisamente al 1830 quando Andrea Pansa, mosso da amore e passione per l’arte pasticcera, decide di deliziare animo e palato degli abitanti della Costa d’Amalfi dando avvio a quella che oggi è riconosciuta come una delle pasticcerie d’eccellenza più antiche della regione Amalfitana.

Oggi, Nicola ed Andrea Pansa perseguono la tradizione di famiglia con profonda dedizione e abnegazione, soprattutto in questo momento così delicato per l’imprenditoria italiana e della Costa d’Amalfi.

 Ci crediamo molto perché è un progetto che non avremmo mai potuto realizzare con il carico di lavoro che c’è stato finora. Adesso, con il tempo e lo spazio a disposizione per la produzione, stiamo investendo in questa nuova avventura. Può permetterci di mantenere i costi di gestione – ha proseguito Nicola Pansa –  e di aggiungere una nuova importante freccia al nostro arco”.

Nicola ci racconta che la ripartenza, per alcuni aspetti, può rivelarsi una scelta antieconomica. Nonostante tutto però, hanno intrapreso quest’iniziativa per lanciare un messaggio positivo e per guardare con ottimismo al futuro.

“I dati di queste prime settimane lasciano ben sperare. Nonostante i flussi turistici di questi anni, abbiamo sempre curato la qualità dei nostri prodotti – ha continuato Nicola Pansa – anche nel rispetto dell’utenza locale. I risultati sono incoraggianti!”.

Siamo felici perché Pansa si è guadagnato nei decenni il ruolo di istituzione dolciaria.

Per dar seguito a questo nuovo progetto sarà necessario uno sforzo produttivo maggiore, prevedono di accrescere il personale e di ampliare i loro locali. Stanno già pianificando le azioni da mettere in campo in futuro, per non farsi trovare impreparati nella fase successiva.

Pansa, come tutte le attività della Costa d’Amalfi, ha raggiunto negli ultimi anni risultati straordinari.

“In questa fase non baderemo agli introiti. La nostra azienda comprende circa 25 collaboratori, siamo riusciti a coinvolgerne 8. Cercheremo di sostenere le spese di gestione – ha concluso Pansa – così potremo richiamare tutti i nostri soldati a lavoro, sono loro che hanno contribuito al nostro successo negli ultimi 15 anni”.

Anche noi non vediamo l’ora di continuare insieme a voi questa storia dolcissima, a casa nostra e in quel di Amalfi, gustando la Delizia al Limone con vista Duomo!

Nell’ambito del progetto Authentic Amalfi Coast, il Distretto Turistico, continuerà a narrare con specifici comunicati e post storie di imprenditori che non si sono fermati, che hanno scelto di sperimentare nuovi metodi e modalità per continuare a lavorare, come hanno sempre fatto.

Domani c’è il Sottosegretario Bonaccorsi!

Ed intanto domani – Mercoledì 27 Maggio alle ore 17.00, sulla pagina facebook del Distretto Turistico Costa d’Amalfi, saremo in onda con un nuovo webinar promosso sotto il cappello del progetto Authentic Amalfi Coast.

Si discuterà di economia, sviluppo e di imprenditorialità, un confronto chiaro, tracciando insieme una prospettiva nuova, utile alla comprensione del dibattito contemporaneo.

Ospiti speciali: Lorenza Bonaccorsi, Sottosegretario con delega al turismo Mibact e Giulio Sapelli, una delle voci più originali e fuori dal coro tra gli economisti italiani. Si confronteranno con Carlo Cinque e Vito Cinque, patron de II San Pietro di Positano albergo a 5 stelle e Salvatore De Riso, tra i più famosi pasticceri in Costa D’Amalfi.  Quello di Mercoledì sarà il nono WeBinar organizzato dal Distretto che continua sulla strada di una comunicazione innovativa sul doppio binario: da una parte il confronto con esperti per comprendere  al meglio il futuro del Turismo e dall’altra la valorizzazione e la narrazione di buone pratiche provenienti dalla Costa D’Amalfi.