Giornata Internazionale contro l’Omofobia: l’appello del CNDDU

Il 17 maggio è la Giornata Internazionale contro l’Omofobia; il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani, in linea con le indicazioni del Ministero dell’Istruzione, intende segnalare la necessità, in vista di tale ricorrenza, di proporre agli istituti scolastici i temi del rispetto della persona nella sua globalità, della solidarietà e dell’empatia.

Giornata internazionale contro l'omofobia

Giornata Internazionale Contro l’Omofobia: la storia

La Giornata Internazionale contro l’Omofobia, riconosciuta sin dal 2004 sia dall’ONU che dall’Unione Europea, istituita ufficialmente da quest’ultima nel 2007, è nata per celebrare l’eliminazione dell’omosessualità (avvenuta il 17 maggio 1990) dalla lista delle patologie mentali nella classificazione internazionale delle malattie pubblicata dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità).

Omofobia: i dati ISTAT

Eppure, da recenti indagini statistiche effettuate su tale fenomeno, emerge un quadro preoccupante: tra i giovanissimi sussistono ancora stereotipi, pregiudizi e diffidenze nei confronti di coetanei e adulti caratterizzati da un orientamento sessuale dissimile dai propri.

Nel 2011, attraverso una sua indagine, l’ISTAT ha rilevato che il 24% delle persone omosessuali ha affermato di essere stato discriminato durante gli anni delle scuole superiori e dei college, rispetto al 14% degli eterosessuali.

advertisement

Il ruolo centrale della scuola

La scuola ha tra i propri compiti quello di instaurare un clima sereno, in quanto seconda famiglia di studenti e personale scolastico, all’interno della comunità, onde prevenire tutte le tipologie di emarginazione o, peggio ancora, di denigrazione/bullismo nei confronti dell’altro.

Ogni forma di prevaricazione deve essere condannata fermamente, soprattutto in una fascia d’età estremamente delicata, in cui anche il rifiuto o il palese scherno costituiscono motivo di profonda sofferenza interiore, depressione o nei casi più gravi atti di autolesionismo.

La DUDU, in molteplici articoli, e la Costituzione italiana nell’art. 3 sanciscono inequivocabilmente il diritto all’uguaglianza di tutti gli esseri umani; tale concetto comporta, ovviamente nel pieno rispetto delle leggi vigenti, il riconoscimento della facoltà di ciascuno di vivere il proprio modo di essere, considerando che ogni persona è unica, preziosa e irripetibile.

Alcuni spunti per analizzare insieme in maniera costruttiva il tema in oggetto possono essere reperiti sul sito di Amnesty International (Le scuole attive contro l’omofobia e la transfobia).

L’appello del CNDDU

Il Coordinamento propone ai docenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado di guidare gli studenti in un debate sul tema della discriminazione, da concludere con uno slogan concepito proprio per affermare il valore dell’originalità di ciascun individuo.

Prof. Romano Pesavento, presidente CNDDU

Giornata internazionale contro l'omofobia