Coronavirus e clima: i risultati dello studio annunciato nei mesi scorsi

Un team multidisciplinare ha condotto importante ricerca sulla relazione tra Coronavirus e clima.  Ecco i nuovi risultati dello studio annunciato nei mesi scorsi. Fazzini (climatologo Università di Camerino): "Dallo studio è emerso che solo il Sole fa scemare il Coronavirus, ma appena del 26%". Ora sotto analisi anche Molise, Basilicata e Brescia!

Bollettino sanitario del 19 novembre 2020

“Dallo studio effettuato dal mio team multidisciplinare comprendente esperti e accademici delle Università Bicocca di Milano, Roma Tre e Chieti-Pescara, è emerso che solo il Sole fa scemare il Coronavirus, ma appena del 26%, e che il rischio resta perché non incidono in modo significativo sull’involuzione della pandemia sia il clima caldo sia primaverile. L’interazione statistica tra pandemia e ambiente fisico sarebbe con molta probabilità da ricercare con la densità di popolazione e soprattutto con la densità di attività del terziario, particolarmente diffuso nelle aree a maggiore evoluzione pandemica della regione e nel modo di socializzare. Dunque il virus in estate scemerà ma bisognerà stare attenti. Non è escluso che possa ulteriormente scemare oltre i 27 gradi ma siamo in un campo minato, nuovo e per questo stiamo continuando la ricerca”.

Lo ha affermato Massimiliano Fazzini, Climatologo dell’Università di Camerino e Coordinatore del Gruppo di esperti sul “Rischio Climatico” della Società Italiana di Geologia Ambientale (SIGEA).

Fazzini che, in piena fase acuta è stato in “trincea” coordinando ben tre aree di emergenza in Lombardia, ha guidato il team multidisciplinare-accademico formato da importanti esperti della Bicocca di Milano, Roma Tre, Università di Chieti-Pescara e Università di Camerino, nell’importante ricerca che ha messo in relazione l’andamento della pandemia con le variazioni climatiche. La ricerca è in corso anche su altre aree dell’Italia.

advertisement

“Si tratta di uno studio annunciato nei mesi scorsi, del quale abbiamo ora i risultati avanzati e che ha messo in relazione clima, morfologia e coronavirus – ha continuato Fazzini – al quale hanno partecipato geografi, virologi e altri specialisti sanitari – prossimo ad essere inviato per la rilettura sulla prestigiosa rivista “Science of the total Environment”.

Dall’analisi dei dati climatici ed epidemiologici giornalieri relativa al bimestre 20 febbraio-20 aprile, effettuata su situazioni rappresentative dell’area più intensamente colpita dalla pandemia nel territorio lombardo, si evincerebbe una scarsa dipendenza dell’evoluzione epidemiologica rispetto a tutte le variabili climatologiche normalmente misurate presso le più moderne e attrezzate stazioni di rilevamento meteo-ambientali disponibili.

L’analisi dei dati meteo è riferita alle stazioni di rilevamento gestite dall’ARPA LOMBARDIA a norma WMO di Bergamo stadio, Brescia Ziziola, Chiari, Soncino, Codogno, Cevo, Limone sul Garda e Manerba sul Garda.

Relativamente all’aspetto epidemiologico, è stato considerato, per ciascun comune delle province di Lodi, Bergamo e Brescia, il parametro giornaliero risultato scientificamente e statisticamente più verosimile, la percentuale di primi tamponi positivi rispetto al totale. Lo studio è stato forzatamente interrotto il 20 aprile, in quanto, vista la graduale attenuazione dell’epidemia, non si disponeva più, per i singoli comuni appena menzionati, dati relativi ai tamponi.

Ma ecco cosa è emerso di particolarmente significativo:

“Dall’analisi multivariata condotta tra la variabile indipendente “tamponi” e le variabili dipendenti temperatura minima e massima, umidità relativa media, direzione e velocità del vento medio, radiazione solare, alle quali sono state aggiunte le variabili morfologiche – ha proseguito Fazzini – quali: quota, distanza dall’asse del fiume Po e distanza dai rilievi prealpini prospicenti la pianura padana, è emerso che solamente il parametro radiazione solare è relazionato inversamente con la variabile epidemiologica, con una percentuale di variabilità spiegata, però comunque bassa, circa il 26%. Dunque è per lo meno possibile affermare che, in giornate molto soleggiate, il numero di tamponi positivi tende a scemare. Allo stesso tempo, però, non risulta esserci alcuna evidenza con la temperatura massima che nel periodo oggetto delle analisi non ha comunque superato i 25.5°C in nessuna stazione meteorologica analizzata”.

Ricerca anche in Molise e Basilicata. Lo studio sta continuando anche su Brescia.

“Tentando poi ulteriormente di comprendere l’eventuale legame tra temperature medie e pandemia, sono stati analizzati i dati delle stazioni di rilevamento meteorologico di Campochiaro e Potenza – ha concluso Fazzini – evidentemente molto rappresentative delle condizioni termiche medie delle due regioni meno colpite dalla pandemia: Molise e Lucania. Ebbene, i dati termici medi e massimi per i mesi di marzo e aprile di entrambe le due stazioni, situate nell’Italia centro-meridionale, mostrerebbero valori medi più bassi, di circa 1,5°C ,rispetto a quelli delle principali città lombarde coinvolte nello studio (nella fattispecie Bergamo e Brescia) a conferma che, almeno per i climi temperati e nella stagione primaverile, non vi sarebbe alcuna influenza di temperature più elevate sull’eventuale “involuzione” della pandemia.

D’altro canto, lo studio sta proseguendo per la città di Brescia e neppure le temperature decisamente elevate di questi ultimi giorni sembrerebbero influenzare al momento l’evoluzione del virus.

Dunque l’interazione statistica tra pandemia s.l. è ambiente fisico sarebbe con molta probabilità da ricercare con la densità di popolazione e soprattutto con la densità di attività del terziario, particolarmente diffuso nelle aree a maggiore evoluzione pandemica della regione. Siamo dinanzi a un campo nuovo e dunque tutti gli scenari futuri sono possibili”.