PdF Sardegna e Adinolfi: “di mamma ce n’è una sola”

 

La partner, al contrario, non può essere riconosciuta come genitore allo stato anagrafico. A deciderlo è stata la Cassazione che, con la sentenza 7668, ha respinto il ricorso di una coppia di donne del Veneto, sposate in unione civile. Le due volevano essere entrambe dichiarate mamme della piccola nata a Treviso, ma con inseminazione effettuata all’estero.

Il Popolo della Famiglia Sardegna plaude alla decisione della Cassazione avversa alle “due madri” e lo fa con le parole del presidente nazionale Mario Adinolfi che, riferendosi alla sentenza ha dichiarato «Di mamma ce n’è una sola!».

advertisement

Lo stesso Adinolfi, sul suo profilo Facebook, ha aggiunto: “oggi sono molto contento per la sentenza della Cassazione che certifica dopo la Costituzione, la Corte Costituzionale, la legge ordinaria e persino la legge Cirinnà che famiglia è ciò che parte dalla relazione uomo-donna, che l’omogenitorialità non esiste e che i figli, vivaddio, hanno un padre e una madre. Non due padri, non due madri. E tutto questo lo abbiamo ottenuto lottando, non sarebbe accaduto senza la lotta”.

Dopo questa sentenza, come movimento politico nato per sostenere e salvaguardare la famiglia, ci aspettiamo che anche l’Anagrafe del comune di Sassari, l’unica ad aver iscritto una bimba nata dalla fecondazione assistita avvenuta in Spagna, provveda all’immediata cancellazione della trascrizione dal forte carattere ideologico e ridoni, finalmente, a quella bimba il piacere di poter annunciare di essere nata da una mamma e un papà.

Popolo della Famiglia Sardegna